Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Aveva accoltellato un connazionale fino a ridurlo alla paralisi: arrestato

Aveva accoltellato un connazionale nel 2003, accoltellandolo fino a ridurlo alla paralisi e si era reso irreperibile fuggendo in Albania. Ora è in manette

Aveva aggredito un connazionale nel 2003, attendendolo davanti alla porta di un locale di Porto San Giorgio: era anche tornato a casa solo per procurarsi il coltello. Una volta che la vittima, E. K., aveva varcato la soglia, erano partite le coltellate: numerose, implacabili, tra cui alcune alla schiena così violente  da spezzargli la spina dorsale, costringendolo ad una vita di immobilità.

Lui, l'aggressore e il quasi omicida E. N., albanese di 35 anni, si era reso irreperibile dal giorno stesso del fatto, agevolato nella fuga dal suo stato di clandestinità, ed era riuscito a raggiungere l’Albania dove negli anni, cambiando identità, è vissuto nell’anonimato fino al giorno 21 dicembre, data della sua cattura eseguita per mano dell’interpool in collaborazione con i poliziotti della Sezione Criminalità Organizzata e Catturandi della Squadra Mobile di Ancona, diretta dal dr. Giorgio di Munno. Ora dovrà scontare 16 anni di carcere.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aveva accoltellato un connazionale fino a ridurlo alla paralisi: arrestato

AnconaToday è in caricamento