Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca

Via Esino: si aggiravano di notte con dei borsoni, 36enne arrestato per furto

Sono stati scovati dai carabinieri anconetani mentre operavano un giro di perlustrazione nella periferia nord del capoluogo. Uno si è dato alla fuga mentre l'altro è stato arrestato e portato a processo

Rubano un computer e del materiale informatico e poi si danno alla fuga. Uno dei due è stato arrestato e portato in carcere. Si tratta di un uomo di origini rumene di 36 anni. L’altro, si sospetta possa essere il fratello, è riuscito a fuggire. Ma il primo è stato bloccato dai carabinieri di Ancona che, guidati dal tenente Marco Ruffini, stavano pattugliando il quartiere della periferia nord della città. E’ successo tutto l’altra notte intorno alle ore 2. Una gazzella dei carabinieri stava perlustrando la zona quando ad un certo punto ha avvistato i due giovani in atteggiamento sospetto. In particolare uno aveva una borsa e l’altro uno zaino. Non ci sarebbe stato nulla di strano se non fosse stato che entrambe le sacche erano visibilmente vuote.  E’ così scattato il pedinamento. Probabilmente però i due presunti ladri si sono accorti e hanno seminato i carabinieri.

Solo mezz’ora dopo i due militari hanno ristabilito il contatto con i due rumeni che stavano uscendo da una palazzina con la borsa e lo zaino che questa volta erano pieni.  A quel punto i carabinieri si sono gettati sui due che si sono dati alla fuga. Uno è riuscito a fuggire. Il secondo invece ha corso fino alla statale Flaminia, tentando di scavalcare il muretto che delimita la strada dalla ferrovia. E’ in quel momento che i militari lo hanno bloccato per mettergli le manette.

Secondo gli inquirenti i due uomini dell’Est avrebbero adocchiato quell’appartamento da tempo e, in precedenza, avrebbero nascosto l’arsenale utile per il furto proprio dentro la palazzina durante un sopralluogo fatto in precedenza. Un particolare inquietante che dovrà essere verificato dagli investigatori. L’altro è stato individuato nel fratello perché, una volta arrivati a casa dell’arrestato, c’era la sorella di lui. Sul letto i vestiti del fratello, simili a quelli dell’altro ladro fuggito. Fatto sta che ieri il presunto ladro si è presentato al processo per direttissima. Il pm Giovanni Centini ha chiesto la custodia in carcere che è stata accolta dal giudice Francesca Grassi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Esino: si aggiravano di notte con dei borsoni, 36enne arrestato per furto

AnconaToday è in caricamento