Area Vasta 2, i sindacati ai sindaci: «Ferie non garantite e servizi a rischio chiusura»

Niente proroghe né sostituzione del turnover, così il diritto alla salute dei cittadini è in pericolo: l'accorato appello ai Comuni

Foto d'archivio

«Con l’avvio dal 1° giugno del periodo estivo, senza le proroghe del personale a tempo determinato e la sostituzione del turnover, saranno a rischio sia la garanzia del diritto costituzionale contrattuale alle ferie del personale che il mantenimento dei servizi sanitari territoriali e ospedalieri dell’Area Vasta».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ il monito delle sigle sindacali Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl che denunciano: «La situazione è molto grave! Parliamo di centinaia di lavoratori tra tempi determinati in scadenza dal prossimo mese di giugno e lavoratori che per pensionamento o per raggiungimento del periodo massimo di tempo determinato lasceranno il servizio. I limiti al tetto di spesa del personale imposti dalla Regione e dall’Asur all’Area Vasta 2, che prevedono nel solo 2019 un taglio di 4,4 milioni, sono incompatibili con il mantenimento dei servizi e se non verranno mitigati causeranno o tagli draconiani a unità operative ospedaliere e servizi territoriali (poliambulatori, adi, prevenzione) oppure una loro privatizzazione. L’avvio delle ferie - continuano i sindacati - potrà costituire l’avvio di questo percorso di declino che colpirà tutta la sanità della provincia di Ancona: gli ospedali di Fabriano, Senigallia e Jesi, gli ospedali di comunità di Cingoli, Chiaravalle e Loreto e i servizi territoriali e distrettuali con evidenti ripercussioni. Solo la proroga di tutti i contratti a tempo determinato in scadenza e la sostituzione di almeno 70 operatori per garantire il turnover può consentire alla sanità della provincia di Ancona di non mettere il cartello “chiuso per ferie” e soprattutto di non ritrovarsi a settembre nell’impossibilità di riaprire reparti e servizi. Facciamo un appello a tutti i sindaci della provincia di Ancona affinché si facciano sentire con il Governatore della Regione e con il Direttore dell’Asur: qui c’è in discussione il diritto alla salute dei loro cittadini. Da parte nostra - conclude la nota - continueremo nei prossimi giorni  a divulgare i numeri del “disastro” e ribadirne le responsabilità». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, chiusure delle attività commerciali per evitare il lockdown

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

  • Accoltellato in strada mentre cammina, i carabinieri danno la caccia a 2 uomini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento