Fase 2, Architetti Ancona: «Il nostro territorio convive con due crisi»

Tra il 23 e il 24 maggio sono stati 13mila i partecipanti totali all’iniziativa online e 150 i guest speaker, tra i quali l’architetto Mario Cucinella, l’economista e accademico Enrico Giovannini e tanti altri

Trasformare la crisi in opportunità per operare quel cambiamento che serve da anni. Per dare nuova linfa alle nostre città, rivitalizzare le aree interne e sostenere l’economia del Paese. È il messaggio mandato dagli architetti nel corso della maratona digitale “L’architettura è cultura e bene comune”, promossa dal Consiglio nazionale degli architetti e alla quale ha partecipato anche la presidente dell’Ordine di Ancona, Donatella Maiolatesi. Tra il 23 e il 24 maggio sono stati 13mila i partecipanti totali all’iniziativa online e 150 i guest speaker, tra i quali l’architetto Mario Cucinella, l’economista e accademico Enrico Giovannini e tanti altri.

Un’occasione di confronto e una rampa di lancio per idee e proposte che sarà ora compito di tutti trasformare in fatti. Nel rispetto dell’ambiente, del paesaggio e sfruttando a pieno le opportunità offerte dalle nuove tecnologie e i nuovi materiali. In particolare la presidente Maiolatesi, che è intervenuta all’interno del panel “L’Italia, una rete di città resilienti”, ha concentrato il suo intervento sulle necessità e le esigenze del proprio territorio di riferimento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un’area che in pochi anni è stata colpita da due emergenze - quella del sisma 2016 e ora quella Covid-19 - nel contesto di una crisi dell’edilizia ormai pluridecennale. I bisogni del territorio di Ancona e provincia, fatto anche di campagna, di piccoli borghi dal patrimonio culturale e artistico spesso molto elevato, non sono evidentemente quelli di un’area metropolitana, ma identica è la ricetta per ripartire. “L’architetto, con la sua visione a lungo termine, deve essere protagonista del cambiamento e del processo decisionale, che necessita di una semplificazione normativa per far sì che il Paese possa ripartire, cominciando dai territori più colpiti dal terremoto di ormai quasi quattro anni fa” ha sottolineato la presidente dell’Ordine di Ancona Donatella Maiolatesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento