rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Cronaca

Al parco di sera tossici e sbandati: arrivano le telecamere

Siringhe e bivacchi al parco Pacifico Ricci. L'associazione Arcopolis insieme al Comune stanno lavorando per riqualificare la zona ma, al calar della sera, entrano pusher e sbandati

«Questo bellissimo parco è il cuore e il polmone del nostro quartiere»: è l'incipit del regolamento posto all'ingresso del parco Pacifico Ricci. I volontari dell'associazione Arcopolis, insieme al Comune, hanno dedicato tempo ed energie per battersi ottenendo la bonifica di questo luogo nel cuore del quartiere storico degli Archi in via Fornaci Comunali. Al mattino, però, si vedono i risultati dell'assalto di tossici, sbandati e disperati. 

Siringhe e degrado al Pacifico Ricci

Tantissimo è stato fatto, come il campo dal basket (inaugurato il 4 novembre dov'era presente anche il sindaco Mancinelli e il campione olimpico Gianmarco Tamberi), quello da tennis e la nuova fontanella. Altre importantissime misure saranno attuate presto: tra queste l'installazione delle telecamere di sicurezza e l'illuminazione. Opere fondamentali per tenere lontano fenomeni come lo spaccio e il degrado, che, purtroppo, ancora oggi al calar della sera si presentano in queste zone. 

Facendo una passeggiata in mezzo al verde si possono vedere qua e là sirighe e stagnole usate dai tossici e abbandonate in mezzo alla radura, bisogna fare attenzione a dove si mettono i piedi per non inciampare sui gradini rotti della scalinata e per non finire nelle pozze di acqua sporca. Vicino ad una panchina qualcuno ha costruito un bivacco. Ci sono ancora i segni del falò usato per scaldarsi e mangiare. Una residente giura di aver visto più volte dalla finestra di casa delle persone, probabili pusher, entrare nella zona dove ci sono i giochi per i bambini e inserire delle buste all'interno di alcune fessure sul muro. «Poi, dopo un po', veniva il cliente, ritirava la dose e se ne andava». Purtroppo anche giovedì un anconetano di 38 anni è finito in overdose su una di queste panchine. Si è salvato solo grazie all'aiuto di un suo amico che ha chiamato i soccorsi. Domenica scorsa, poi, una ragazzina è stata trovata in stato ipotermico, completamente ubriaca, e soccorsa dai militi della Croce Gialla di Ancona. 

VIDEO | Le condizioni horror del parco al mattino 

«L'unica strategia che funziona - spiega Silvio Boldrini, presidente di Arcopolis - contro lo spaccio e la delinquenza è vivere la zona. Benissimo le telecamere e le forze dell'ordine a presidiare ma, a mio avviso, sono soluzioni tampone. Bisogna rivalutare, come stiamo già facendo da tempo anche con l'aiuto del Comune, l'intera zona. Abbiamo chiesto la possibilità di avere un chioschetto al Pacifico Ricci proprio per invogliare i ragazzi a venire. Sport e convivialità sono i segreti per battere lo spaccio. Con gli assessori Stefano Foresi e Andrea Guidotti c'è una collaborazione attiva e fruttuosa». Prosegue Boldrini: «Noi volontari a primavera faremo una nuova bonifica delle sirighe che, aimé, si possono trovare a terra. Poi il Comune ha promesso che prima dell'estate installerà le luci e le telecamere».

Proprio a proposito delle telecamere Foresi specifica: «E' una nostra assoluta priorità. Il progetto delle telecamere è già pronto ed è già stato fatto il computo metrico estimativo. Ci teniamo particolarmente a finire la bonifica. Verrà un progetto bellissimo, con tre aree verdi di cui una è già stata completamente risistemata. Grazie ad Arcopolis e ai suoi mille iscritti ora questa zona è nuovamente fruibile dai giovani del quartiere». 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al parco di sera tossici e sbandati: arrivano le telecamere

AnconaToday è in caricamento