Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Appalti Asur truccati, indagini chiuse: rischiano tutti il processo

Il pm Paolo Gubinelli ha confermato l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata, alla turbativa e al falso in atto pubblico per 8 dei 9 iscritti nel registro degli indagati

Chiuse le indagini preliminari sul presunto giro di appalti truccati alla Asur. Il 415bis è stato recapitato a Luigi Catalano, già amministratore della Edilcost e difeso dall'avvocato Andrea Speciale. Più altri 8 indagati (più la stessa Edilcost). Il pm Paolo Gubinelli dopo 2 anni ha chiuso il cerchio intorno ad un'indagine che ha coinvolto da una parte il mondo dell'imprenditoria anconetana e dall'altro gli alti vertici dell'Asur regionale che, in cambio di mazzette, avrebbero sempre favorito l'azienda Edilcost nell'assegnazione degli appalti per i contratti di pulizia e manutenzione all'interno degli ospedali locali. Un giro di favori che vede come dominus un dirigente Asur e un geometra funzionario, entrambi difesi dalll'avvocato Jacopo Saccomani, a cui l'imprenditore dorico avrebbe non solo pagato con denaro contante ma anche con regalie come viaggi per le loro famiglie. Proprio a loro 2, lo scorso gennaio la Guardia di Finanza di Ancona mise sotto sequestro beni e conti correnti per 390mila euro. 

Ora sarà la pubblica accusa  chiedere il rinvio a giudizio per i vari indagati e sarà successivamente il giudice ada ccogliere o respingere la richiesta della Procura di Ancona. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalti Asur truccati, indagini chiuse: rischiano tutti il processo

AnconaToday è in caricamento