Anziani truffati in via del Crocifisso, la polizia rinnova l’allerta

Un uomo e una donna si sono presentati a casa di due anziani ultraottantenni e sono riusciti a farsi ad aprire la porta con il trucco del "controllo" dell'autenticità delle banconote da 50 euro

Ancona, via del Crocifisso (immagine web)

Un’altra truffa ai danni di persone anziane si è consumata alle 11 e 30 di questa mattina in via del Crocifisso: un uomo e una donna si sono presentati a casa di due anziani ultraottantenni e sono riusciti a farsi ad aprire la porta con il trucco del “controllo” dell’autenticità delle banconote da 50 euro. Una volta individuato il luogo dove la coppia teneva la pensione appena ritirata i due malviventi hanno portato via tutto – circa 1150 euro – e si sono dati alla fuga. Il marito ha cercato di fermarli ma per tutta risposta è stato spintonato in malo modo, cadendo a terra e procurandosi delle escoriazioni.  
Gli agenti della squadra Volanti sono immediatamente giunti sul posto assieme ad una squadra della Polizia Scientifica, ma i due malfattori avevano già fatto perdere le proprie tracce.

In merito al fatti accaduti la Questura di Ancona rinnova i consigli su come difendersi da truffe e raggiri invitando la cittadinanza a fare molta attenzione e stare sempre in allerta soprattutto in questo periodo.  
 
1.    Non aprire la porta di casa a sconosciuti anche se dichiarano di essere dipendenti di aziende pubbliche e  vestono un'uniforme

2.    Non fermarsi mai per strada per dare ascolto a chi offre facili guadagni o a chi chiede di poter controllare i soldi o il libretto della pensione, anche se è una persona distinta e affabile

3.    Diffidare di coloro che si presentano con insistenza a nome di parenti o conoscenti

4.    Farsi accompagnare (se possibile) quando si prelevano o si versano soldi in banca o in un ufficio postale, soprattutto nei giorni in cui si riscuote la pensione o si pagano le bollette

5.    Quando si va o si torna dalla banca o dall’ufficio postale con i soldi in tasca non fermarsi con sconosciuti e non farsi distrarre

6.    Se si subisce una truffa non bisogna vergognarsi di parlarne con altre persone e non bisogna sentirsi in colpa, sono cose che succedono

7.    In caso di dubbio chiamare il 113 e fare sempre la denuncia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile frontale tra due auto, tragedia al tramonto: un morto e un ferito grave

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Tragedia in casa, trovato morto un papà di 44 anni

  • Tragico investimento in via Conca, l'uomo è morto in ospedale

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Ucciso da un'auto davanti all'ospedale, Giuseppe era andato a trovare la moglie

Torna su
AnconaToday è in caricamento