rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Cronaca Jesi

Andreea, inghiottita nella lotta tra passato e presente: dubbi, ipotesi e testimonianze

Andreea Rabciuc è scomparsa lo scorso 12 marzo dopo un litigio con il suo fidanzato. Si trovava in un casolare in compagnia di alcuni amici. Da quel giorno nessuno sembra averla più vista

JESI - Un cellulare, un post social pregno di rancore, una mamma disperata ed un ex fidanzato. Poi c'è lei, Andreea Rabciuc, 27 anni, che il 12 marzo scorso è uscita da un casolare di Castelplanio, ha girato l'angolo e non è più tornata a casa. 

Il cellulare

Iniziamo la nostra ricostruzione al giorno prima della scomparsa. Venerdì 11 marzo Andreea si dirige verso il casolare per una festa con degli amici. Con lei c'è anche Simone, il suo fidanzato. Andreea però è strana, parla poco e scrive messaggi al suo ex Daniele. E' proprio quest'ultimo a confermarlo, durante un'intervista con l'inviata di Chi l'ha visto? Veronica Briganti. Nel casolare il tempo scorre, scandito dai continui litigi tra Andreea e Simone. Lo dice Francesco, il proprietario dell'immobile da dove tutto è partito: «Litigavano continuamente, lei stava in silenzio però. Ad un certo punto non vedevo l'ora che se ne andassero. Sabato mattina, saranno state le 7, ho visto la ragazza che si allontanava verso la strada. Il fidanzato però si era tenuto il cellulare di Andreea». Perchè Simone avrebbe dovuto tenerle il cellulare? Perchè il fidanzato non ha subito denunciato la scomparsa? A queste domande Simone si è giustificato così: «Intanto non le ho sequestrato il telefono ma lo ha messo lei in tasca - racconta - poi non è la prima volta che Andreea si allontana. Avrei voluto chiamare la mamma o il compagno della donna per farla venire a prendere alla festa, ma lei è fuggita. Spesso quando litigavamo lei scappava e per questo non mi sono preoccupato più di tanto».

Andreea Rabciuc scompare da un casolare di campagna: iniziano le ricerche

Il post social

Basta riavvolgere il nastro di pochi giorni, 8 per l'esattezza. I protagonisti sono sempre loro: Andreea e Simone. Lui è arrabbiato, deluso da un post social che la stessa Andreea aveva pubblicato qualche ora prima sul proprio profilo Facebook. Simone non riesce più a contenere la rabbia e si sfoga scrivendo un post pregno d'odio, che fa venire i brividi soltanto a leggerlo. Il testo ha un'ultima frase scritta in romeno che recita: «Addio per sempre».
 

Screenshot (354)-2

Contattato al telefono, Simone si contraddice. Prima afferma che quelle frasi non erano rivolte ad Andreea «è un vecchio post, lei non c'entra». Poi, incalzato, ammette che in effetti si riferivano alla sua fidanzata: «E' una cazzata da Facebook - afferma - soltanto un post in risposta ad una cosa che aveva scritto lei dopo l'ennesima litigata». Sulla litigata durante la festa il fidanzato conferma che «litigavamo spesso, un giorno si e un giorno no, poi lei tornava sempre». Simone sembra confuso, quasi inconsapevole che Andreea non è ancora stata trovata: «Per capire, ma non sta a casa della madre?». Simone infatti sospetta che la 27enne sia tornata senza dire nulla a nessuno. Chiaramente non è cosi e la giornalista glielo fa notare: «Allora è strano, comunque non penso che in quella zona ci sia qualche maniaco che l'ha portata via. Secondo me si è allontanata facendo l'autostop. Così tanti giorni che manca non era mai successo e vale la pena di cercarla».

L'appello a Chi l'ha Visto?

Una mamma disperata

Georgeta è la mamma di Andreea. La donna si è chiusa in un silenzio assordante da ormai una settimana. I carabinieri, che stanno proseguendo con le incessanti ricerche, le hanno detto di non rilasciare interviste. Il suo ultimo contatto lo abbiamo avuto lo scorso 31 marzo quando su Facebook ha lanciato un appello disperato per la sua Andreea. «Amore mio, sono passati troppi giorni, dove sei? Qualsiasi cosa sia accaduta sappi che insieme possiamo risolverla. Mi manchi tanto e non vedo l'ora di riabbracciarti. Sto soffrendo troppo, vi prego aiutatemi a ritrovarla». Neanche lei sa che fine possa aver fatto Andreea. Nella zona nessuno sembra averla più vista, i residenti fanno scena muta, trincerati dietro un silenzio che sa di rassegnazione. Eppure Andreea non è certo una ragazza che passa inosservata: 1,68 centimetri, capelli blu e fisico atletico. Al momento della scomparsa indossava anche un cappellino rosa con le orecchie di gatto, una felpa grigia con la stampa di "Tom&Jerry" e dei jeans chiari. 

Cadavere trovato nel Po: è di Andreea?

L'ex fidanzato

Infine c'è lui, Daniele. L'ex innamorato, con il quale Andreea si sentiva ancora. Il collegamento tra la vecchia vita e quella nuova, tra passato e presente. Daniele ha il cuore a pezzi: «Andreea voleva cambiare vita - racconta - la sera della scomparsa mi aveva mandato un messaggio dicendomi che il giorno dopo l'avrei dovuta passare a prendere. Voleva passare un ultimo mese in tranquillità e poi andare via e non far più sapere a certe persone dove fosse». Il sabato mattina Daniele ha provato a contattarla, ma a risponderle sarebbe stato Simone: «Le ho scritto un sms dicendole di lasciar perdere quella gente ma sono sicuro che a rispondermi sia stato il fidanzato». L'ex è preoccupato, convinto che ad Andreea sia successo qualcosa di molto grave: «Se non le fosse successo nulla mi avrebbe già contattattato. Ho sempre la speranza di poterla riabbracciare, una speranza che non morirà mai».  

Che fine ha fatto Andreea Rabciuc?

Le ipotesi sono molteplici e tutte al vaglio degli investigatori. Inizialmente, come confermato dagli stessi carabinieri, si era pensato ad un allontanamento volontario. Ora però, giorno dopo giorno, sta avanzando uno scenario differente e sicuramente più tetro. Militari, protezione civile e vigili del fuoco stanno setacciando senza successo l'intero territorio. L'ultimo avvistamento proprio davanti al casolare di Castelplanio, 26 giorni fa, punto di partenza di un giallo che sembra impossibile risolvere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Andreea, inghiottita nella lotta tra passato e presente: dubbi, ipotesi e testimonianze

AnconaToday è in caricamento