rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca

Precipitato dal lucernario, il tecnico che era sul tetto: «Ho sentito il pannello rompersi, poi un tonfo, Andrea non c’era più»

Sono le parole di un fornitore, presente al sopralluogo al capannone di via Fioretti, dove è morto l’imprenditore Andrea Monti, 53 anni. La Procura ha aperto un fascicolo

ANCONA - «Ero su quel tetto, stavo facendo foto e video per il sopralluogo, quando ho sentito il rumore del lucernario che si spezzava. Poi un tonfo. Mi sono voltato ma Monti non c’era già più. Era caduto di sotto». Così un fornitore, una delle quattro persone che ieri era sul tetto della “Quattro Separator”, in via Fioretti 7, ha raccontato i secondi prima della tragedia. «Eravamo in quattro là sopra, compreso Monti - ha aggiunto - non so come sia finito sul lucernario perché noi eravamo tutti in un punto circoscritto, appena dopo la scala. Tutti sanno che sopra certi pannelli non si va. Non so quindi cosa possa essere successo». Testimoni oculari che hanno visto il momento in cui la vittima precipitava di sotto non ci sarebbero. La polizia sta andando avanti nelle indagini.

Il sopralluogo era per poter verificare se si potevano installare in seguito dei pannelli solari. Voleva investire in risparmio energetico Andrea Monti, 53 anni, nel capannone che aveva acquistato un anno fa. Il suo lavoro, si occupava di impianti di depurazione, prima lo aveva fatto da dipendente, dopo un passato da agente immobiliare, poi si era messo in proprio. La Procura ha aperto un fascicolo. Indagano squadra mobile e Scientifica. La salma è a disposizione dell’autorità giudiziaria che potrebbe richiedere una autopsia. Nessun sequestro è stato operato nel capannone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precipitato dal lucernario, il tecnico che era sul tetto: «Ho sentito il pannello rompersi, poi un tonfo, Andrea non c’era più»

AnconaToday è in caricamento