rotate-mobile
Cronaca

«Ti facciamo a pezzi», botte e minacce dal marito e dal suocero: denunciati

La Polizia ha concluso una indagine verso i due uomini, residenti in centro già da qualche anno, per una vicenda di maltrattamenti e di degrado familiare

Una serie di violenze e minacce che si protaevano da 8 anni, da quando la donna era arrivata nel nostro Paese. A scoprirlo è stata la Polizia di Ancona, che ha concluso un'indagine nei confronti di una famiglia originaria del Medio Oriente, residente in centro già da qualche anno. Vittima una donna di 35 anni, che dopo l'ennesima serie di botte e minacce ricevute dal marito e dal suocero ha deciso di denunciare tutto alla Polizia. Poi il racconto alle poliziotte della Squadra Mobile, dove tra le lacrime ha raccontato una storia di degrado morale e disprezzo. Già dal suo arrivo in Italia erano iniziati i maltrattamenti, con il marito ed il suocero che la ritenevano incapace di accudire i figli e per questo la violentavano con botte, calci e minacce di morte, anche in presenza dei bambini.

Le indagini hanno permesso agli agenti di ascoltare alcuni testimoni, che hanno confermato la versione della donna. Ad essere denunciati il marito 36enne ed il suocero di 57 anni, entrambi operai, che ora dovranno rispondere di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali in concorso. Il marito inoltre, è stato accusato di sottrazione di minori, visto che dopo aver saputo che la moglie era decisa a denunciare le violenze, aveva preso i loro figli portandoli dal padre ed impedendo alla donna di vederli. Ora i bambini e la vittima si trovano in un luogo sconosciuto al marito ed al suocero per evitare eventuali ritorsioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Ti facciamo a pezzi», botte e minacce dal marito e dal suocero: denunciati

AnconaToday è in caricamento