Delitto di via Crivelli, il perito: «Antonio Tagliata può stare in carcere»

A sostenerlo è il professor Renato Ariatti, incaricato dal giudice di eseguire una perizia psichiatrica, per stabilire la capacità di intendere e volere di Tagliata al momento dell'omicidio

Antonio Tagliata

«Le condizioni di Antonio Tagliata non sono incompatibili con la detenzione nel carcere di Torino». Ad affermarlo è il professor Renato Ariatti, nella sua relazione al termine dell'udienza davanti al gip di Ancona.

Antonio Tagliata, il 19enne accusato di aver ucciso i genitori della sua fidanzata, può quindi stare in carcere. La perizia psichiatrica per accertare se il giovane era capace di intendere e volere al momento dell'omicidio è stata affidata ad Ariatti ed allo psicologo ed esperto di psicodiagnostica Marco Samory. «A Torino - prosegue Ariatti - c'è un reparto di osservazione psichiatrica intensiva. Il ragazzo vive una situazione di forte disagio per essere andato in carcere, nonostante questo la sua condizione non è incompatibile con la detenzione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Schianto in superstrada, camion invade la corsia di sorpasso e fa ribaltare un'auto

  • Gli amici lo aspettano per cena, ma lui non arriva: lo trovano morto in bagno

Torna su
AnconaToday è in caricamento