Delitto di via Crivelli, il perito: «Antonio Tagliata può stare in carcere»

A sostenerlo è il professor Renato Ariatti, incaricato dal giudice di eseguire una perizia psichiatrica, per stabilire la capacità di intendere e volere di Tagliata al momento dell'omicidio

Antonio Tagliata

«Le condizioni di Antonio Tagliata non sono incompatibili con la detenzione nel carcere di Torino». Ad affermarlo è il professor Renato Ariatti, nella sua relazione al termine dell'udienza davanti al gip di Ancona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Antonio Tagliata, il 19enne accusato di aver ucciso i genitori della sua fidanzata, può quindi stare in carcere. La perizia psichiatrica per accertare se il giovane era capace di intendere e volere al momento dell'omicidio è stata affidata ad Ariatti ed allo psicologo ed esperto di psicodiagnostica Marco Samory. «A Torino - prosegue Ariatti - c'è un reparto di osservazione psichiatrica intensiva. Il ragazzo vive una situazione di forte disagio per essere andato in carcere, nonostante questo la sua condizione non è incompatibile con la detenzione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Asteroide in arrivo, lo vedremo dal balcone: «Il vero spettacolo però sarà la cometa»

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Storico macellaio e uomo generoso, Furio è morto di Covid: «Il tampone fatto troppo tardi»

  • FLASH - Statale 76 chiusa al traffico per controlli anti Coronavirus

  • Orrore davanti al mercato: uomo trovato morto in strada dopo un tragico volo

  • Dati sempre più allarmanti, Marche tra le regioni con più morti e positivi al Coronavirus

Torna su
AnconaToday è in caricamento