Vandali a Palazzo del Popolo, prese di mira le fioriere

Nei giorni scorsi, ripetutamente, erano state divelte e portate via le piante fiorite. Un gesto incomprensibile, che crea un danno, non solo economico ma anche morale

ANCONA - Ancora una volta prese di mira le fioriere all'ingresso di Palazzo del Popolo (le foto sono state scattate questa mattina).  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei giorni scorsi, ripetutamente, erano state divelte e portate via le piante fiorite. Un gesto incomprensibile, che crea un danno, non solo e non tanto di natura economica, ma di tipo morale, quale mancanza di rispetto verso il patrimonio pubblico e nei confronti di chi se ne occupa puntualmente con dedizione e cura, con qualsiasi condizione meteorologica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento