menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I distributori distrutti nella sede del Ponterosso Calcio

I distributori distrutti nella sede del Ponterosso Calcio

Ladri-vandali scatenati, tre raid in una sera. La sindaca: «Sfigati in cerca di popolarità»

Valeria Mancinelli all'attacco su Facebook: «Potenzieremo telecamere e controlli». Danni a Ponterosso, al Panettone e alla Misericordia di Torrette

Ladri-vandali scatenati nella serata di martedì. Hanno colpito a Ponterosso, Passo Varano e Torrette. Tuona la sindaca Valeria Mancinelli: «Siamo più forti di quattro sfigati in cerca di popolarità». Uno dei raid ha interessato il complesso sportivo di Ponterosso: ignoti hanno distrutto la porta del magazzino di via Ruggeri ma anche la finestra dei bagni, quindi si sono accaniti contro i distributori automatici alla ricerca di soldi. In realtà, i vandali golosi si sono portati via solo gli snack, causando danni per migliaia di euro. Amaro il commento della società del Ponterosso Anconitana su Facebook: «Avete rotto una finestra, squarciato una porta frantumato il vetro della macchinetta per prendere delle merendine. Non abbiamo parole! Cosa pensavate di trovare in un'associazione sportiva costruita con amore e fatica? La consideriamo una vigliaccata che poi è semplicemente quello che siete voi...dei vigliacchi».

Potrebbero essere gli stessi che, sempre martedì sera, hanno fatto irruzione anche al teatro del Panettone di Passo Varano: qui hanno mandato in frantumi gli oblò delle porte d’ingresso, ma non sarebbero entrati. Un terzo raid vandalico è avvenuto a Torrette, nella sede dell’associazione Misericordia nei pressi dell’ex centrale del latte: una porta è stata danneggiata e dal garage è sparita una bicicletta. Sui tre episodi indaga la polizia.

La sindaca Valeria Mancinelli ha pubblicato le foto delle azioni vandaliche su Facebook, commentandole con toni molto duri: «So bene che facendole vedere, gli autori del gesto godranno pure di un sussulto di popolarità. Ma le mostro perché ho intenzione di rendere chiaro alla stragrande maggioranza di cittadini perbene di ciò che quotidianamente occorre affrontare. Abbiamo telecamere ovunque, potenzieremo tutto, le forze dell'ordine sono impegnate costantemente. Ma qui c’è mancanza di senso civico, di rispetto dei beni di tutti, perché oltre all'indignazione poi paghiamo tutti il vetro rotto, la sicurezza, i lavori di ripristino. Con le nostre tasse. Non sono bravate e non intendo affatto minimizzarle. Sono atti delinquenziali. E come tali vanno trattati. C’è un grande lavoro di educazione da fare, entro il quale c’è anche la necessità di reprimere questi fenomeni con decisione. Anche la collettività può fare molto e i ragazzi perbene possono aiutare ad isolare. La nostra comunità è decisamente più forte di quattro "sfigati" in cerca di popolarità». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento