Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca Torrette / Via Conca

Psicosi da Coronavirus, giù gli accessi al Pronto Soccorso: percorso ad hoc per i sospetti

Disegnato un percorso specifico per i pazienti sospetti, in modo da ridurre al minimo i rischi di contagio. Attivato il protocollo d'emergenza e posti letto dedicati

Foto di repertorio

Otto-dieci pazienti in meno al giorno, per una riduzione valutata attorno al 5-6%. E’ il calo degli accessi registrato al Pronto soccorso di Torrette (rispetto allo stesso periodo del 2019) da quando è scoppiata l’emergenza Coronavirus. Non è un caso: la colpa, probabilmente, è da imputare proprio alla psicosi da contagio. Una paura infondata, per quanto riguarda l’ambiente dell’ospedale regionale. 

A Torrette il gruppo di lavoro coordinato dal direttore sanitario Alfredo Cordoni ha definito un piano d’azione specifico che prevede un percorso dedicato per la gestione dei soggetti sintomatici che vengono intercettati prima e gestiti da squadre di operatori sanitari ad hoc. Percorso che viene interdetto al pubblico e riaperto solo a sterilizzazione avvenuta, proprio per rendere minimo il rischio di contagio.

Sono 13 i posti letto dedicati a pazienti affetti da Coronavirus: 10 nel reparto di Malattie Infettive, due in Rianimazione e uno nella Rianimazione post cardiochirurgica. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Psicosi da Coronavirus, giù gli accessi al Pronto Soccorso: percorso ad hoc per i sospetti

AnconaToday è in caricamento