«Il treno è in ritardo», si arrabbia in stazione: ma ha un ordine di carcerazione

Per placare gli animi sono intervenuti gli agenti della Polfer, che hanno poi scoperto che la donna doveva scontare 9 mesi di carcere

Si stava lamentando del ritardo del treno, ma quando gli agenti l'hanno identificata hanno scoperto che su di lei pendeva un ordine di carcerazione. E' questo quanto successo intorno alle 11 di lunedì sera, davanti alla biglietteria della stazione di Ancona.  La donna ha iniziato ad arrabbiarsi, vedendo che il suo treno stava ritardando. Per placare gli animi sono intervenuti gli agenti della Polfer che l'hanno identificata. I poliziotti hanno quindi scoperto che la donna doveva scontare 9 mesi di carcere, pe reati contro il patrimonio commessi nel 2010. Per la viaggiatrice, D.S.M., italiana nata a Teramo, sono scattate le manette ed è stata accompagnata presso l'Istituto Penale di Pesaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento