rotate-mobile
Cronaca

Luminarie, ruota e pista di ghiaccio a Natale: «Rimarrà il clima di festa ma ci sarà più sobrietà»

A dirlo il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli durante la diretta Facebook rivolta a tutta la cittadinanza: «Sì alle luminarie ma con sobrietà. Tenere la città viva e frequentata con un'atmosfera di festa e di gioia è un qualcosa di ineguagliabile»

ANCONA - Ha scelto il suo profilo Facebook per raccontare ai cittadini le misure adottate dall'Amministrazione comunale a contrasto del caro energia. Il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli, in diretta insieme all'assessore al bilancio Ida Simonella, nella serata di ieri ha illustrato a tutta la cittadinanza le prossime mosse del Comune alla luce dello straordinario aumento delle bollette. 

Ancona, aumentano i casi di condomini morosi. Il caro bollette non dà tregua

«Data la straordinarietà della situazione era necessario avere un canale di comunicazione diretto con i concittadini. Con la possibilità di avere domande e dare risposte in diretta oltre a quelle che abbiamo cercato di dare nei giorni scorsi. Il costo dell'energia è più che raddoppiato anche per l'amministrazione. Una premessa importante: il nostro Comune, come tanti altri anche prima della crisi, si è già mosso da tempo con azioni concrete e non solo con slogan per diminuire il  consumo energia. In particolare dal 2014 attraverso AnconAmbiente che è il soggetto che gestisce la pubblica illuminazione (22mila punti luce in tutta la città ndr) avevamo concordato un piano di investimenti per sostituire le lampadine con led che portassero ad una diminuzione del consumo. Così è stato: l'obiettivo era dimezzare il consumo di energia e costi e dal 2014 ad oggi è successo. Il problema è che pur aver dimezzato l'energia è stato travolto dall'eplosione dei costi degli ultimi mesi». Il sindaco ha poi poi parlato dello spegnimento anticipato delle luci pubbliche all'alba: «Quando abbiamo scelto di spegnere un'ora prima le luci sapevamo di poter creare disagi alla popolazione. Ma in quel momento insieme non avevamo ancora le risposte che abbiamo in termini di maggiori risorse e siamo stati costretti a fare quella scelta. Oggi, alla luce dei nuovi fondi che siamo riusciti a trovare, vi confermo che nei prossimi giorni la luce pubblica la mattina continuerà ad essere quelal di prima, accesa fino a poco prima dell'alba. Grazie alla rinegoziazione dei muti ed utilizzando dei fondi che avevamo accantonato per le emergenze, oltre ai contributi arrivati dallo Stato, il Comune riuscirà a coprire l'aumento dei costi (da 4 a circa 8 milioni di euro l'anno)». 

Il caro bollette piega le famiglie anconetane

Il Natale

Il primo cittadino ha fatto il punto sul Natale alle porte. Si è parlato della ruota panoramica, della pista di ghiaccio e delle tanto discusse luminarie: «Anche qui è doveroso fare una premessa. Il Comune non ha mai tirato fuori un euro per la ruota e la pista di ghiaccio. Tutti i costi sono sempre stati a carico del gestore. Anzi, abbiamo sempre incassato qualcosa perchè il gestore stesso ha pagato una tassa sull'occupazione del suolo pubblico. Stesso discorso per la pista di ghiaccio. Entrambe sono confermate anche per questo Natale. Per quanto riguarda le luminarie ci saranno ma con più sobrietà. Noi, soprattutto in un periodo così complicato, crediamo che mantenere vivo il clima di festa e gioia sia ineguagliabile ed aiuti la comunità ad attraversare questi momenti così difficili. Inoltre ci sono tantissime attività commerciali che si reggono grazie proprio al Natale. Una città spenta non crediamo sarebbe stata la soluzione più giusta. Abbiamo quindi pensato di mantenere le luminarie di Natale ma spegnerle in tarda serata, verso mezzanotte, quando la gente torna a casa». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luminarie, ruota e pista di ghiaccio a Natale: «Rimarrà il clima di festa ma ci sarà più sobrietà»

AnconaToday è in caricamento