Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Condannato per stupro e supplente, ex prete cacciato dal Galilei

Gli studenti del Liceo Galilei scoprono che il loro professore in passato ha subito una condanna per violenza sessuale e stalking ai danni di un 29enne. Allertata, la dirigente scolastica ha allontanato l'uomo dalla scuola

Il Liceo Galilei di Ancona

Erano senza professore di storia e filosofia quando alla fine è arrivato il supplente: A.B., 47 anni, ex prete di Isola del Piano (PU). Peccato che il prof. fosse un ex prete, condannato nel 2012 dal collegio del tribunale di Pesaro per violenza sessuale e stalking nei confronti di un ragazzo, suo parrocchiano, di 29 anni. E' stata questa l'incredibile scoperta degli studenti del Liceo Galilei, che hanno immediatamente avvertito la loro dirigente scolastica. A capire che ci fosse qualcosa di strano sono stati proprio gli studenti che, in attesa di un prof. tutto d'un pezzo, si sono ritrovati una persona alquanto spaesata.

Invece di fare lezione, avrebbe passato un'intera ora a sfogliare il libro di testo senza mai guardare negli occhi i ragazzi. Da lì sono scattate le ricerche su internet. E' bastato digitare il nome su Google per sapere tutto. A quel punto gli alunni si sono rivolti alla preside Annarita Durantini, che ha detto: "L'abbiamo chiamato e gli ho semplicemente chiesto di rinunciare alla supplenza e lui non ha obiettato. Dopo io ho segnalato la situazione all’Ufficio scolastico regionale perché una cosa del genere non si ripeta in altre scuole. Noi non potevamo saperlo perché con l’auto certificazione uno ci può dire di tutto di più. Poi se uno è diligente, ha dei sospetti e fa delle ricerche come abbiamo fatto noi, le cose si scoprono".

Sì perchè il professore non era stato scelto a casa. L'uomo era in una graduatoria scolastica ufficiale di prima fascia. Il liceo Galilei non ha fatto altro che contattare il primo docente disponibile della lista. "Abbiamo avuto bisogno di un supplente e abbiamo attinto dalla graduatoria. Gli abbiamo fatto firmare le carte tra cui l'autocertificazione dove l'insegnante deve dichiarare che non ha subito condanne. Lui ha firmato tutte le crocette dichiarando di essere incensurato. Se no è ovvio che non lo avremmo mai permesso" ribadisce decisa la Durantini.

Fatto sta che l'uomo era stato condannato in primo grado a due anni e 10 mesi, per aver prima abusato, poi perseguitato un ragazzo di 29 anni. Arrestato nel febbraio del 2012 l'uomo, ora ridotto allo stato laicale, era tornato in libertà trasferendosi a Rimini. L'ex parroco successivamente aveva presentato domanda per la supplenza riuscendo ad avere l'incarico all'interno dell'istituto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condannato per stupro e supplente, ex prete cacciato dal Galilei

AnconaToday è in caricamento