Esplosioni e fiamme al porto, operai in fuga dalla Skalo: «Sfiorata una seconda Beirut»

I dipendenti dell'azienda di lavorazione del pesce, alle spalle dell'ex Tubimar, se la sono vista brutta: «Vicino a noi il distributore di metano e il deposito di bombole»

Lo stabilimento della Skalo al porto

Le fiamme, il fumo, l’aria irrespirabile. Una notte di paura per una quindicina di dipendenti della Skalo, azienda del gruppo Gagliardini specializzata nella lavorazione e distribuzione di prodotti ittici, che si trova alle spalle dell’ex Tubimar devastato dall’incendio.

Quando hanno sentito le prime esplosioni, attorno alle mezzanotte, si sono subito allarmati. E quando hanno compreso la gravità dell’emergenza, i lavoratori hanno chiuso tutto e si sono dati alla fuga. «Non c’è stato un sgombero, diciamo che c’è stata un’auto-evacuazione - spiega Michele Longo, responsabile della struttura -. Io non c’ero, ma ho seguito le operazioni in diretta sul cellulare, attraverso le telecamere, mentre mi mantenevo in contatto con i dipendenti. Sì, erano spaventati, ma non è la prima volta che si verifica un incendio al porto, quindi sappiamo come è opportuno comportarsi. A preoccuparci era soprattutto la presenza, a breve distanza, del distributore di metano e della Sol con tutte le sue bombole d’ossigeno».

Si è davvero corso il rischio di un’altra Beirut. «Il turno di notte è saltato perché abbiamo dovuto interrompere il lavoro e siamo riusciti a tornare a regime attorno alle 5,30 del mattino, ma questo è il meno - sospira Longo -. La cosa fondamentale è che l’incendio è stato subito circoscritto, altrimenti sarebbe successo un disastro».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le raccomandazioni del sindaco: le scuole restano chiuse

Il Ministro De Micheli ad Ancona - IL VIDEO

Nel cuore dell'incendio - IL VIDEO

Incendio al porto, notte d'inferno 

In città non si respira, chiuse scuole e parchi

Inferno al porto, fiamme alte decine di metri - IL VIDEO 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento