Cenere dal cielo come neve, i commercianti preoccupati: «Chiusi per la nube tossica»

Maxi incendio al porto, diversi esercenti hanno scelto di tenere abbassate le saracinesche per precauzione

Il cartello davanti alla parrucchieria Lanterna Rossa

«Sembrava neve» dicono agli Archi. Era la cenere che questa mattina ricopriva auto, panchine, tavoli. Scorie del maxi incendio che si sono depositate nelle vie più vicine al porto ma anche in centro, trascinate dal vento. Continua a cadere fuliggine dal cielo, mentre gli anconetani guardano con il naso all’insù la nube nera che cambia continuamente direzione e non accenna ad affievolirsi con il passare delle ore.

«Sarà tossica?» si chiede la gente, preoccupata. Molti si sono barricati in casa, con le finestre sigillate, come suggerito dal Comune. In giro, la maggior parte delle persone indossa la mascherina: la nube potenzialmente dannosa fa più paura del Covid. Questa mattina diversi commercianti hanno preferito restare chiusi, per poi riaprire nel corso della giornata, una volta cessata l'emergenza, anche se la maggior parte degli esercenti ha scelto di lavorare regolarmente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Serrande abbassate soprattutto agli Archi, il quartiere più esposto ai fumi del rogo. «Rimarremo chiusi a causa delle nubi tossiche», c’è scritto in un cartello esposto fuori dalla parrucchieria Lanterna Rossa. Anche Raffaella Longino, arrivata alle 6 nel bar che gestisce insieme al compagno Fernando Andreanelli sotto i portici, aveva pensato di tornarsene a casa, per precauzione. «L’aria era irrespirabile, c’erano pompieri e polizia dappertutto - racconta -. Le auto, le sedie e i tavoli erano grigi per la cenere che si era depositata. Davvero sembrava che stesse nevicando».

Il fumo arriva al Salesi: a Torrette attivato il piano di maxi emergenza

Focolai attivi e crolli: dentro il cuore dell’incendio | VIDEO

Continua lo spegnimento, i focolai visti dall’alto: le immagini dall’elicottero | VIDEO

Brahim il camionista: «Sei esplosioni e cielo arancione, vivo per miracolo»

Cenere dal cielo come neve, i commercianti preoccupati: «Chiusi per la nube tossica»

L’incendio e la nube, il punto del vice comandante dei vigili del fuoco | VIDEO

La lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

La notte infernale del porto, i vigili del fuoco affrontano il mostro di fuoco | VIDEO

In città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

Video - Inferno al porto, fiamme alte decine di metri: l'incendio è da brividi 

Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento