Cronaca

Ancona: il furto alla farmacia del Crass avrebbe fruttato mezzo milione

Il furto alla farmacia dell'Asur Marche Area vasta 2 avrebbe fruttato ai malviventi circa 500.000 euro, cifra ben superiore ai 100.000 indicati in un primo momento dal direttore Piero Ceccarelli

Il colpo alla farmacia dell'Asur Marche Area vasa 2 avrebbe fruttato ai malviventi circa 500,000 euro. E' questo quanto emerge dal primo inventario dei farmaci sottratti.

Una cifra nettamente superiore ai 100.000 euro indicati ieri dal direttore dell'Ausur Marche Piero Ceccarelli. Dagli scaffali della farmacia, sono spariti esclusivamente prodotti destinati a pazienti oncologici; l'altra notte infatti, ignoti malfattori avevano svaligiato la farmacia interna, usata come centro di deposito e smistamento per i farmaci da distribuire ai pazienti che lasciano l’ospedale ma hanno necessità di proseguire le cure a casa. Ancora da chiarire molti punti oscuri della vicenda: il portone che immette nella palazzina del deposito non ha subito nessuna forzatura dall'esterno, come se qualcuno si sia fatto chiudere volutamente all'interno in attesa dell'arrivo dei complici.


Dato che le confezioni di medicinale sottratte riportano tutte la dicitura "confezione ospedaliera" gli inquirenti al momento ritengono che si tratti di un furto su commissione e che la refurtiva sia destinata al mercato estero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancona: il furto alla farmacia del Crass avrebbe fruttato mezzo milione

AnconaToday è in caricamento