Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Centro storico / Corso Giuseppe Mazzini, 170

Torna la libreria Fogola, i nuovi titolari: «Spinti dall'entusiasmo degli anconetani»

La libreria riaprirà i battenti a poche decine di metri dai vecchi locali. Verrà mantenuta l'insegna storica, che oggi campeggia su un negozio di abbigliamento

Il libro di storia si riapre. Torna la libreria Fogola e praticamente nello stesso posto dove è sempre stata. Non proprio al civico 4 di piazza Cavour, perché lì da circa un mese c'è un negozio di abbigliamento, comunque a poche decine di metri di distanza. La libreria aprirà tra la metà e la fine di ottobre, data ancora da definire, al civico 170 di corso Mazzini. Praticamente dietro l’angolo della vecchia attività. La nuova Fogola sorgerà in una parte dei vecchi locali che non è stata rilevata da Afhraf Azzazy, titolare dell’attività di abbigliamento. A mandarla avanti saranno gli storici dipendenti Simona Rossi e Andrea Paternesi, alla prima esperienza imprenditoriale, che manterranno anche l' insegna della libreria. «La famiglia Fogola ha ceduto loro i diritti, quindi il negozio di abbigliamento dovrà toglierla» ha detto Carlotta Carucci, responsabile della comunicazione digitale della nuova libreria. Ad oggi infatti l’insegna campeggia sopra alle vetrine di Azzazy, che aveva deciso di tenerla come omaggio a un pezzo di storia anconetana.

Spinti dall’entusiasmo della gente

A presentare la Fogola che sarà è Carlotta Carucci, la ragazza che cura la comunicazione della libreria sui social. E’ stata lei a scatenare l’entusiasmo di molti anconetani che sulla pagina facebook della Libreria Fogola hanno condiviso il messaggio che ha dato continuità alla storia. Un post di poche righe: “Ci siamo spostati, ma poi mica di tanto. In fondo abbiamo solo girato l’angolo. Riapriremo in corso Mazzini 170!”. «Simona e Andrea si sono lanciati in questa impresa e hanno ricevuto un importante seguito dalla città – ha spiegato la Carucci - c’è un calore particolare che Ancona sta dando a questa iniziativa e anche sui social Simona e Andrea sono stati spinti dall’affetto della gente. Questo sentimento popolare li ha incoraggiati a proseguire nell’attività». Affetto, tradizione, ma anche voglia di rivalsa. «Si, voglia di rivalsa dell’ottimismo sul pessimismo- prosegue Carlotta- Andrea e Simona non vogliono farsi soggiogare dalla chiusura della scorsa primavera. E’ un progetto da sognatori, ma ci crediamo tutti».

Libri, manuali e tisane

La nuova Fogola rispetterà la tradizione. Venderà libri di ogni genere, saranno serviti the e tisane proprio come nella vecchia attività, inoltre saranno disponibili molti titoli di giurisprudenza mantenendo una sorta di cordone con il vicino tribunale. Si torna, dunque. E si torna in quel centro storico da cui molti commercianti scelgono di allontanarsi. A primavera lo stesso Giampaolo Fornasiero, titolare della vecchia libreria, aveva chiuso le attività di Ancona e Falconara per via del caro affitti e il calo della rendita. «Una sfida che spaventa? No- risponde la Carucci- d’altronde la libreria Fogola alla Baraccola perderebbe senso. L’identità storica va di pari passo con il luogo in cui si trova». Gli spazi sono in corso di allestimento. I lavori dovrebbero terminare nella seconda decade di ottobre ma la mancanza di una data precisa non ha ancora permesso ai proprietari di stabilire la data dell’inaugurazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna la libreria Fogola, i nuovi titolari: «Spinti dall'entusiasmo degli anconetani»

AnconaToday è in caricamento