Degrado in via Torresi, Quacquarini (M5S): «Subito i lavori per le scuole Savio e Sabin»

Il consigliere pentastellato ha incontrato il Comitato spontaneo dei residenti: «Solite promesse e ritardi della Giunta Mancinelli»

Foto di repertorio

Degrado in via Torresi, sopralluogo di Gianluca Quacquarini, consigliere comunale del M5S, che ha incontrato il Comitato spontaneo dei residenti. «Ho sentito da loro le annose problematiche della zona e ho fatto un sopralluogo per prendere visione dei tanti pericoli presenti nella zona, come marciapiedi rotti, degrado e tanto altro - spiega Quacquarini -. La campagna di sensibilizzazione del Comitato, infatti, va avanti da anni e negli ultimi tempi si è fatta ancora più pressante, coinvolgente sempre più cittadini stufi delle continue promesse delle varie Giunte che si sono succedute negli anni.Sul piatto, oltre alle situazioni di degrado e abbandono comuni a tutti i quartieri periferici della città, la questione scuole (Savio e Sabin) e le inadempienze dell'Erap, gestore nel comprensorio di via Torresi 77-105». 

«Partendo dalle parole dell'assessore Foresi: "La materna Sabin non verrà abbandonata. Potrebbe servire come serbatoio scolastico in caso di necessità o potremo alienarla", il Comitato non si arrende e attende a breve azioni concrete a partire dalla partenza dei lavori di completamento dello stabile Savio entro ottobre 2020, come dichiarato dallo stesso Foresi, auspicando in un progetto di riqualificazione della Sabin come edificio scolastico. Lo stesso Comitato chiede inoltre al Comune, proprietario di molti appartamenti del comprensorio di via Torresi 77-105, di occuparsi in prima persona del problema "messa a rischio della convivenza civile nel comprensorio per mancanza di un regolamento d'uso degli spazi comuni e inadempienze dell'ERAP e disinteresse del Comune e di alcuni Amministratori". Dopo aver ascoltato le parole dei rappresentanti del Comitato, ho ribadito come per me sia fondamentale ripristinare in toto la primaria Savio quanto prima senza più rinvii dei lavori da effettuare e per troppo tempo procrastinati». 

«I residenti hanno bisogno di tempi certi perché si rimanda la questione da troppo tempo.Che sia davvero ottobre 2020 l’inizio dei lavori, troppe date negli anni sono state disattese.La scuola Primaria deve tornare a funzionare a pieno regime ed essere disponibile e fruibile al quartiere e alle zone limitrofe.Ne vale il rilancio di tutta la zona e delle attività economiche.Tra l'altro noto nella stessa scuola è ospitato il "Museo di Scienze Naturali" dal 2008 non più accessibile, non bene per una città che si candida a Capitale della Cultura per il 2022. Si termini dunque quanto prima i lavori alle Savio e poi sarà doveroso pensare alla riqualificazione della materna Sabin.Nell'attesa che entro il prossimo ottobre partano i lavori della scuola, il Comune, proprietario degli appartamenti civico 77-105, si occupi in prima persona del problema che sta mettendoa rischio la civile convivenza nel comprensorio per mancanza di un regolamento d'uso degli spazi comuni dando così risposte chiare ai residenti del super condominio per evitare il propinarsi di episodi spiacevoli.Con il Gruppo 5 Stelle seguiremo tali questioni, come le tante altre di cui ci occupiamo, e saremo da stimolo e promemoria alla Giunta». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Le bottiglie si riciclano al supermarket: previsti sconti sulla spesa

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

Torna su
AnconaToday è in caricamento