rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

Privatizzazione Poste Italiane, sabato 2 luglio manifestazione regionale ad Ancona

Ad Ancona sabato 2 luglio, manifestazione regionale con partenza davanti alla sede regionale di Poste Italiane, e assemblea pubblica in Piazza del Plebiscito

Le segreterie regionali di Cisl Slp, Cgil Slc, Uilposte, Failp Cisal e Confsal Comunicazioni hanno proclamato la mobilitazione  di categoria contro l'ipotesi di una nuova fase di privatizzazione di Poste Italiane. Ad Ancona sabato 2 luglio 2016 manifestazione regionale con partenza del corteo alle ore 10.30 davanti alla sede regionale di Poste Italiane, e assemblea pubblica in Piazza del Plebiscito. 

«I sindacati di categoria - si legge nella nota - hanno espresso completa contrarietà sulle recenti notizie circa l’avvio di una seconda tranche di collocamento sul mercato del capitale di Poste Italiane. Secondo Cisl Slp, Cgil Slc, Uilposte, Failp Cisal e Confsal Comunicazioni, il completo collocamento in borsa dell'azienda è frutto di una scelta senza spiegazioni industriali ma solo per fare cassa ed arginare il debito pubblico. Dopo la svendita dello scorso ottobre del 35%, un ulteriore 35% di Poste Italiane è passato sotto il controllo, forse solo temporaneamente di Cassa Depositi e Prestiti mentre il restante 30% sembra destinato solo per poco a rimanere nelle mani del Ministero Economia e Finanza. Nonostante i dubbi sollevati dalle scelte del management, le tante sentenze che hanno bocciato la politica delle chiusure selvagge degli uffici postali; oggi il Governo sta tentando di smantellare, con la disinvoltura che lo caratterizza, sottovoce e nella generale indifferenza e disinteresse della politica, delle istituzioni pubbliche e degli stessi mass media, uno degli ultimi importanti pezzi del patrimonio pubblico al servizio della collettività.»

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Privatizzazione Poste Italiane, sabato 2 luglio manifestazione regionale ad Ancona

AnconaToday è in caricamento