Passa due ore a fumare su una panchina: «Me ne infischio del divieto»

L'uomo ha pure fornito il nome del suo avvocato di fiducia ai vigili urbani: ora passerà dei guai. Distributore automatico come un bar: la polizia valuta la chiusura

I controlli della polizia locale al Piano

Non si fermano i controlli della Polizia locale per verificare il rispetto della normativa contro la diffusione del Coronavirus.

Questa mattina un cinquantenne anconetano è stato denunciato perché per quasi due ore ha sostato seduto su una panchina in corso Carlo Alberto. E’ stato controllato una prima volta attorno alle 10 mentre fumava una sigaretta e ha spiegato che stava andando a fare la spesa alla Coop: attorno a mezzogiorno la pattuglia è tornata sul posto e l’ha ritrovato sulla stessa panchina. Al che, ha ammesso candidamente: «Me ne infischio del decreto, io esco lo stesso e vado a spasso». Quando i vigili urbani gli hanno spiegato che l’avrebbero denunciato, lui ha risposto: «Non c’è problema, fate come volete» e ha fornito il nome del suo avvocato di fiducia. La denuncia, a quel punto, è scattata davvero. Sempre questa mattina sono stati allontanati alcuni giovani che, in corso Carlo Alberto, stazionavano nei pressi di un distributore automatico di bevande: la Polizia locale sta pensando di farlo chiudere perché rischia di diventare un surrogato del bar.

Nel corso della mattinata sono state controllate oltre 96 strutture commerciali verificando l'apertura e il rispetto della distanza interpersonale da parte degli avventori. Oltre 50 le auto fermate i cui conducenti sono risultati in regola. Monitorati anche 7 parchi chiusi al pubblico. «Il fatto che troviamo meno auto in circolazione e meno persone in giro per la città - afferma la comandante della Polizia locale, Liliana Rovaldi - significa che gli anconetani sono diventati coscienziosi ed hanno capito il senso della normativa vigente e delle indicazioni che sono state date alla popolazione. Parallelamente, al centralino del comando della Polizia Locale, riceviamo numerose telefonate di cittadini che ci ringraziano per il lavoro che svolgiamo e ringraziano soprattutto le pattuglie presenti sulla strada che fanno rispettare le regole a tutti. L’invito è sempre quello di restare a casa: più rispettiamo le regole, prima usciremo da questa emergenza».

CORONAVIRUS LIVE 

I NUMERI DELL'EMERGENZA 

CHIUSI TUTTI I CIMITERI 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

AL VIA LA SANIFICAZIONE DELLA CITTA' 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Elezioni regionali, il nuovo presidente della Regione è Francesco Acquaroli - LA DIRETTA

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

  • Si schianta con un'auto, camper si ribalta: un ferito è gravissimo

  • Vita su Venere, scoperti “escrementi”. L’esperto anconetano: «Ora missione lassù»

  • Coronavirus, primo caso a scuola: in quarantena un'intera classe e i professori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento