rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Cronaca Centro storico

Nuove scritte deturpano Duomo e Monumento: i vandali stanno rovinando tutti i luoghi simbolo della città

Un utente ha segnalato il nuovo scarabocchio sui social. Solo due settimane fa un vistoso "Mi manchi" era apparso in fondo alla gradinata. Ora si cercano i responsabili

ANCONA -Il Monumento ai Caduti nel quartiere Adriatico continua ad essere preso di mira dai vandali. Un’altra firma fatta con il pennarello nero è apparsa alla base dell’altare centrale. «Altre belle scritte sul Monumento - ha segnalato un utente sui social - Un applauso ai giovani d’oggi». Non è la prima volta che uno dei simboli della città viene deturpato con firme e tag. scritte al passetto-2Solo due settimane fa un vistoso«mi manchi» era stato impresso da alcuni vandali sconosciuti ai piedi del bastione centrale della struttura. La visione delle immagini tratte dalla telecamera di sorveglianza posizionata sul belvedere Virna Lisi potrebbero aiutare ad individuare gli autori di questi scempi. Il 1 giugno due 12enni di origine straniera erano stati sorpresi dalla polizia con il pennarello in mano proprio mentre stavano imbrattando il Monumento. Avevano provato anche a fuggire ma erano stati individuati. 

Ma se dal Monumento ci si sposta verso il Duomo la situazione non è migliore, anzi. Qui i teppisti hanno addirittura firmato le pareti esterne del Duomo di San Ciriaco. Le due brutture si trovano, salendo da via Papa Giovanni XXIII, sulla sinistra guardando verso l’imponente facciata esterna della chiesa: una è un insulto alla polizia, mentre l’altra recita “Falco (che forse sta per Falconara ndr) la zone 126”. Il parapetto del balcone che affaccia verso i cantieri è pieno di sgorbi, lo stesso vale per i cassonetti vicino ai bagni pubblici. Alcune sono scritte vecchie, mai ripulite, altre decisamente più recenti. 

«Abbiamo fatto un sopralluogo con AnconAmbiente - ha spiegato l’assessore alle Manutenzioni Stefano Foresi - ma questa zona al Duomo è tutelata dalla Soprintendenza e dunque bisogna verificare che i macchinari non creino danni alle superfici e dobbiamo rispettare le procedure». Bisognerà dunque replicare la trafila della pulizia al Monumento (che è stato subito imbrattato di nuovo con buona pace dei contribuenti). 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove scritte deturpano Duomo e Monumento: i vandali stanno rovinando tutti i luoghi simbolo della città

AnconaToday è in caricamento