Cronaca

Antiprostituzione, blitz della Squadra Mobile: denunciate 6 persone

La Polizia ha concluso una operazione antiprostituzione in città ed in provincia, denunciando per favoreggiamento della prostituzione 6 persone. L' indagine è stata portata avanti dalla speciale Sezione "Criminalità straniera" della Squadra Mobile

ANCONA - La Polizia di Stato di Ancona ha concluso una operazione antiprostituzione in città ed in provincia, denunciando per il reato di favoreggiamento della prostituzione 6 persone: 4 italiani e 2 straniere.

L’ indagine è durata alcuni mesi ed è stata portata avanti dalla speciale Sezione “Criminalità straniera” della Squadra Mobile della Questura. A finire nella rete degli investigatori anconetani non è stata una organizzazione ben delineata ma alcune persone che, a vario titolo, traevano lucro dalla prostituzione di 4 giovani prostitute colombiane. Tutte munite di carta di soggiorno per cittadini dell’Unione Europea, le 4 prostitute esercitavano "la professione più antica del mondo" in tre appartamenti dell’anconetano, ubicati a Senigallia, Castelferretti e Falconara, nonché in un appartamento di Trento. Le indagini erano partite dallo scorso autunno, su segnalazione di alcuni residenti di Senigallia che avevano denunciato il solito via vai sospetto in un normale condominio di una traversa del lungomare. i poliziotti si sono finti clienti ed hanno telefonato ad un numero cellulare, a cui ha risposto una dei 6 indagati. Il poliziotto-finto cliente aveva sottolineato di chiamare da Ancona, e la donna gli aveva fornito l’ indirizzo di Senigallia, dove il poliziotto una volta pattuito il prezzo della prestazione, si era qualificato ed aveva fatto intervenire i colleghi appostati all’esterno.

Due le prostitute trovate nel minuscolo appartamento. I poliziotti sono poi risaliti al sito internet dove venivano "vendute" le virtù amatorie e le specializzazioni sessuali delle prostitute. Lo spazio pubblicitario sul noto sito internet era utilizzato da una cittadina colombiana, una 37enne già nota ai poliziotti della Mobile, che era l' intestataria dei contratti di affitto sia di Senigallia, che di Castelferretti e Falconara.  La donna gestiva una sorta di call center del sesso, aiutata da una connazionale 35enne, anche lei conosciuta dai poliziotti per essere stata controllata in passato a prostituirsi. Oltre alle 2 colombiane, è stato denunciato il webmaster del sito internet, un 41enne umbro, nonché la coppia di senigagliesi proprietaria dell’ appartamento di Senigallia, due pensionati già denunciati per analogo motivo 2 anni fa e che ora rischiano il sequestro dell’ immobile.

Per ultimo, è stato denunciato anche un 45enne di Falconara, proprietario dei due appartamenti di Chiaravalle e Falconara, che ai poliziotti ha invece dichiarato di non sapere delle prostitute, di non avere avuto segnalazioni del genere, e che comunque la colombiana con cui aveva stipulato i contratti gli sembrava per bene e gli aveva dichiarato di lavorare per un’ agenzia turistica di Ancona.    

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antiprostituzione, blitz della Squadra Mobile: denunciate 6 persone

AnconaToday è in caricamento