Chiamo il bus, salgo e mi siedo: adesso è facile davvero per tutti

Via alla fase spreimentale di Conerobus per gli utenti con disabilità visive e intellettive

Un autista indica la nuova segnaletica

ANCONA - Salire su un autobus, timbrare il biglietto e sedersi in un posto non riservato. Alzarsi, prenotare la fermata e scendere. Facile a dirsi, meno a farsi per un disabile mentale o un non vedente. Proprio per queste categorie di utenti Conerobus, in collaborazione con il Centro Papa Giovanni XXIII e l’Unione Italiana Ciechi di Ancona, ha avviato una fase sperimentale su 16 mezzi. 

Disabilità cognitive 

Il progetto “Easy to read nei bus” è articolato in segnaletiche studiate appositamente per gli utenti con disabilità cognitiva. Le principali informazioni per indicare qual è la porta di salita e di discesa, come prenotare una fermata o come si timbra il biglietto vengono rappresentate graficamente con dei nuovi pannelli molto più grandi e intuitivi. La nuova segnaletica sarà sperimentata su 16 mezzi impiegati nelle tratte urbane e sui quali sono già attive le pedane per disabili. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non vedenti 

Con l’Unione Italiana Ciechi è stata invece studiato un sistema di comunicazione alternativo ma tempestivo. In particolare, le modifiche su variazioni di tragitto o di orario vengono segnalate dall’azienda all’UIC che, a sua volta, avvisa gli iscritti con apposite funzioni di lettura. Conerobus ha anche dato disposizione a tutti i conducenti di effettuare regolarmente la fermata anche se in apparenza non c’è nessun utente che alza la mano per chiamare il bus. L’autista dovrà fermare il mezzo se nei pressi della fermata c’è una persona con bastone o cane da guida, anche se non interessata a salire a bordo. Nelle fermate dove si concentrano più linee e dove ci sono ipovedenti identificabili, l’autista dovrà  aprire le porte anteriori (quelle di salita) in corrispondenza della palina di fermata o davanti alla persona stessa. Tutti i mezzi Conerobus sui cui viaggia un ipovedente dovranno inoltre viaggiare di sera con le luci accese. 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ancona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento