Scoppia la tubatura, cantine allagate: gente in strada e traffico in tilit

Domenica da dimenticare per alcune famiglie del centro. Traffico rallentato in zona

L'intervento in via Matteotti

ANCONA- La domenica per loro è iniziata senza acqua e con il passare delle ore si è trasformata in un incubo anche per gli automobilisti: cantine allagate e merce da buttare. I residenti di due palazzi di via Matteotti sono scesi in strada perché l’esplosione di una tubatura sotto il manto stradale ha riversato l’acqua nello scantinato della palazzina numero 111. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con un'aspiratore, il personale di Multiservizi e la Polizia Municipale. Tecnicamente non è stata un’evacuazione visto che sono stati gli stessi residenti a lasciare temporaneamente le abitazioni a causa del disagio e, per qualcuno, della paura di eventuali danni strutturali in corso di verifica. La strada è parzialmente chiusa a causa dei lavori e il traffico è deviato per via Elia Augusto. 

Per localizzare il guasto e riattivare la fornitura idrica sono state necessaria circa 4 ore. L’allarme è stato dato da un condomino che alle 8,40 ha notato l’assenza dell’acqua ma, soprattutto, ha raccontato di aver sentito lo scrosciare provenire dagli scantinati. In quel momento è scattata la chiamata ai vigili del fuoco, che sono intervenuti con un apparecchio aspiratore, e alla Multiservizi anche se per chiudere la perdita è stato necessario attendere l’arrivo del personale di una ditta di Fano. Praticamente 4 ore. Alle 12 in via Matteotti c’erano sia le 10 famiglie del civico 111, interessato dall’allagamento, che alcuni residenti del civico 117 rimasti a secco di acqua. Sul posto anche l’amministratore del primo condominio, che ha preferito non rilasciare dichiarazioni.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ha raccontato la sua mattinata invece l’ingegnere Remo Romani: «Io per lavarmi sono dovuto andare nel mio studio. Stamattina abbiamo trovato un palmo d’acqua nelle cantine e ho chiuso i nostri contatori perché c’era una perdita anche lì. L’acqua continuava a scendere, i tecnici hanno quindi chiuso il rubinetto centrale ma la perdita ancora non si fermava». Qualcuno, in anonimato, fa notare la presenza del cantiere per l’installazione della fibra ottica anche se è impossibile al momento correlarla alla rottura della tubazione. I danni vanno ancora quantificati, ma c’è chi ha dovuto buttar via intere lastre di parquet, valigie e servizi da tavola. 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ancona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Focolaio dopo una festa, Pietralacroce col fiato sospeso: anche il parroco in quarantena

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Bambini positivi, classi intere in quarantena: il virus corre nelle scuole dei piccoli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento