menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Zuffa in carcere, intervengono gli agenti della Penitenziaria: aggrediti dai detenuti

La protesta del sindacato Sappe: «Non è più tollerabile una situazione simile, da tempo chiediamo che il personale venga dotato di strumenti idonei alla difesa»

Scoppia una zuffa tra detenuti e due agenti della Polizia Penitenziaria, intervenuti per sedarla, finiscono per essere aggrediti. E’ accaduto nel carcere di Montacuto. A denunciare il fatto, Nicandro Silvestri, segretario regionale del sindacato Sappe.

Venerdì pomeriggio due detenuti italiani sono venuti alle mani per futili motivi. Subito gli agenti presenti sono intervenuti per separarli, «ma a loro volta sono stati aggrediti e hanno riportato contusioni in varie parti del corpo - dice Silvestri -. Non è più tollerabile assistere a situazioni del genere, non è più tollerabile il silenzio dell’amministrazione penitenziaria in merito. Il Sappe da tempo chiede di dotare il personale di strumenti idonei alla difesa o per intervenire per ripristinare l’ordine e la sicurezza negli istituti nei confronti di detenuti particolarmente violenti e di difficile gestione». 

«Il Sappe da tempo chiede l’istituzione di apposite sezioni dove collocare e vigilare detenuti violenti o di difficile gestione per la tutela della polizia penitenziaria e degli operatori penitenziari tutti, ma anche in favore di quelle persone detenute che, come prevede la Costituzione, chiedono di scontare la pena attraverso una detenzione che permetta di seguire un percorso di reinserimento nella società».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento