Tragedia in porto, l'ammiraglio Moretti: «Siamo sgomenti, scopriremo la verità»

Le parole di dolore del direttore marittimo che promette: «Indagheremo a fondo sulla morte di Luca»

L'ammiraglio Enrico Moretti

«Indagheremo a fondo, in collaborazione con la Procura, per scoprire la verità e a darci ulteriore spinta sarà il desiderio di rendere giustizia ad un ragazzo che se n’è andato in modo assurdo e lascia una moglie e due bambini». Sono cariche di dolore le parole del contrammiraglio Enrico Moretti, comandante del porto di Ancona, dove ha perso la vita Luca Rizzeri, l’agente marittimo di 34 anni ucciso da una cima che, per un tragico incidente, si è spezzata all’improvviso durante l’attracco della BF Philipp, una container ship lunga 117 metri costruita nel 1996, battente bandiera portoghese ma di proprietà di un armatore genovese.

«Noi siamo quotidianamente a contatto con il personale delle agenzie marittime, ci si conosce, ci si incontra - aggiunge il comandante -. Lascia sgomenti la morte di Luca. Ora sarà nostro compito individuare le responsabilità». L’incidente, spiega Moretti, «si è verificato nel momento in cui la nave ha fatto il suo ingresso in porto e si stava ormeggiando. Lo spring di prua si è spezzato nella parte alta, verso la nave, per cause in corso di accertamento e ha investito in pieno il povero ragazzo, che si trivava sulla traiettoria, a un’ottantina di metri di distanza». Il cavo era già annodato alla bitta: dunque, era difettoso o ci sono responsabilità in chi ha condotto la manovra? «Dobbiamo vagliare tutto e analizzare i dati, ma non trascuriamo alcuna ipotesi - risponde Moretti -. Sul posto c’erano quattro ormeggiatori e il nostro personale che assiste alle partenze e agli arrivi delle navi, arrivato quasi in coincidenza con l’incidente. Stiamo interrogando l’equipaggio di bordo che comprende ucraini e filippini. Abbiamo acquisito documenti e filmati della videosorveglianza. Per il momento si è proceduto a sequestrare i due tronconi del cavo, ma si valuterà se procedere con misure restrittive nei confronti della nave, che resta ferma in banchina e non si sposterà fino a quando non saranno completati gli accertamenti da parte della Guardia Costiera». 

I FUNERALI DI LUCA

INDAGATO COMANDANTE DELLA NAVE

UNA PERIZIA SUL CAVO CHE HA UCCISO LUCA

LA RABBIA DEI SINDACATI E LE LACRIME DEI COLLEGHI - VIDEO

L'AMICO DI LUCA: «POTEVO ESSERCI IO AL SUO POSTO»

L'AMMIRAGLIO MORETTI: «SIAMO SGOMENTI, SCOPRIREMO LA VERITA'»

LUCA PADRE DI 2 BIMBI, STRONCATO DALLA CIMA KILLER

VIDEO: SOPRALLUOGO SUL LUOGO DELLA TRAGEDIA 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • Coppia scatenata, sesso in pubblico: i passanti riprendono tutto col cellulare

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento