Altare nella Santa Casa di Loreto, la sacra scritta riscolpita dal Maestro Malleus

La recente ristrutturazione fortemente voluta dall’Arcivescovo Fabio Dal Cin ha consentito la necessaria rimozione delle lettere di ottone, che dopo più di 90 anni apparivano rovinate ed ossidate

Il maestro Malleus

Màlleus eccellenza marchigiana nel mondo per le sue doti di grande Artista dei nostri tempi,  Amanuense e Maestro incisore ha riscolpito la famosa scritta HIC VERBUM CARO FACTUM EST posta nell’Altare della “Casa Santa” di Nazareth, a Loreto dove l’Angelo annunciò alla Vergine Maria la sua divina maternità. La recente ristrutturazione fortemente voluta dall’Arcivescovo Fabio Dal Cin ha consentito la necessaria rimozione delle lettere di ottone, che dopo più di 90 anni apparivano rovinate ed ossidate, non rendendo più onore alla grazia della Santa Casa di Loreto. Da oggi nella Basilica si potrà ammirare l’opera del genio recanatese  Malleus e della sua Antica Bottega Amanuense.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Maestro, allievo del londinese Michael Harwey il più grande Maestro incisore internazionale scomparso nel 2013, è stato chiamato all’opera per la sua pluriennale esperienza ed è considerato come  il successore naturale del M° Harwey. Sono state così scritte e scolpite, martello e scalpello alla mano, tutte le lettere sul marmo, scelto accuratamente per ricreare le cromie dell’Altare. Si è proceduto poi alla decorazione delle stesse con oro in lamina, per donare all’opera preziosità, lucentezza e resistenza al trascorrere del tempo. Alla  realizzazione dell’Opera, si sono affiancati al M° Màlleus vari Sponsor illuminati che hanno visto in questo progetto, un motivo importante e profondamente  spirituale a cui partecipare con passione e generosità. Dopo le lunghe nottate trascorse a lavorare  in quello scrigno prezioso, Màlleus lo ha definito “un luogo Santo di grande energia e spiritualità dove  le pietre ed i mattoni,  conservano ancora la memoria delle tante  preghiere e suppliche fatte alla Madonna." 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento