Alta scuola di turismo ambientale, il corso e gli appuntamenti formativi

Si prevede una corsia preferenziale riservata ai residenti nei comuni del Parco della Gola della Rossa e di Frasassi e nel Comune di Amandola

Una panoramica delle grotte

Dopo il successo dei corsi realizzati in altre zone d’Italia, sbarca nelle Marche l’appuntamento con l’Alta Scuola di Turismo Ambientale (ASTA), l’iniziativa di formazione per entrare in contatto con le migliori esperienze italiane nel campo turistico ed ambientale realizzate nei territori di eccellenza e raccontate dalla viva voce dei protagonisti.

Saranno due gli appuntamenti con la prestigiosa scuola di turismo ambientale e si terranno dal 6 al 13 ottobre 2018 a Serra San Quirico e ad Amandola Il programma prevede una combinazione di testimonianze, esperienze e laboratori pratici. I corsi, rivolti agli operatori turistici locali che vogliono perfezionare il proprio percorso formativo e le proprie competenze nel settore del management turistico ambientale, sono offerti da Vivilitalia, la società di Legambiente che si occupa di turismo ambientale, in collaborazione con Federparchi e Aitr (Associazione Italiana Turismo Responsabile) e realizzati con la collaborazione del Parco Regionale della Gola della Rossa, del Consorzio delle Grotte di Frasassi e del Comune di Amandola. I corsi in questione si occuperanno di governance, creazione del prodotto turistico ambientale, promo-commercializzazione ed altre tematiche finalizzate a creare un sistema integrato sul territorio che sia capace di fare della risorsa ambiente la prima occasione di sviluppo turistico.

«Per i partecipanti al corso Asta - ha dichiarato Sebastiano Venneri, presidente di Vivilitalia - abbiamo selezionato le migliori esperienze italiane nel campo turistico ed ambientale, raccontate dalla viva voce dei protagonisti, tutti qualificati professionisti del settore che hanno accettato di buon grado di offrire gratuitamente la propria competenza per contribuire allo sviluppo turistico di questi luoghi». «I corsi in questione – secondo Francesca Pulcini, Presidente di Legambiente Marche - rappresentano un’esperienza unica nel nostro Paese che mette a disposizione dei partecipanti un’offerta formativa di livello in un settore, quello del turismo ambientale, di grande prospettiva occupazionale». «La formazione nell'ambito del Turismo Ambientale è senza dubbio un'occasione per sviluppare una professionalità in forte ascesa - commenta il Vicepresidente del Consorzio Grotte di Frasassi, Riccardo Strano - in questo caso particolare ricade anche una preziosa concomitanza con il Congresso ISCA (International Show Caves Association) che si terrà a Genga-Frasassi a partire dal 12 ottobre e a cui prenderanno parte alcuni dei maggiori gestori di Grotte Turistiche provenienti da tutto il mondo. Dunque viene a crearsi un'opportunità per i corsisti ASTA di instaurare relazioni di networking con il mondo».  Secondo Gabriele Santarelli, Sindaco di Fabriano, Vice Presidente dell’Unione Montana e delegato alla gestione del Parco «la promozione del territorio con tutte le sue ricchezze ambientali, storiche, artistiche ed enogastronomiche deve andare di pari passo alla formazione di tutti i soggetti che si occupano di accoglienza e turismo. Per troppo tempo abbiamo trascurato l’aspetto fondamentale della formazione fatta da professionisti del settore e l’importanza di saper raccontare il nostro territorio e chi siamo. Non ci si può improvvisare perché il livello dei servizi richiesti da chi fa turismo ambientale, e non, oggi è molto alto soprattutto se vogliamo aprirci al turista straniero. La speranza – aggiunge Santarelli- è che si percepisca l’importanza di questa formazione di alto livello e che i privati, anche in collaborazione con le amministrazioni, decidano di investirci». 

I corsi avranno un approccio fortemente esperienziale. Sono in programma uscite ed escursioni in loco, occasioni per conoscere in prima persona i luoghi, le persone e gli altri elementi che caratterizzano un territorio dal forte potenziale come quello interessato dal Parco delle Gole della Rossa e dal Parco dei Monti Sibillini. Le esperienze diventeranno quindi oggetto di rielaborazione teorica e le docenze in aula permetteranno di affrontare i temi legati alla governance dei territori e della costruzione e promo- commercializzazione dei prodotti di turismo ambientale legando in questo modo l’esperienza alla teoria e viceversa. Si prevede un numero massimo di 30 partecipanti per ciascun corso, che si rivolge principalmente agli
operatori di settore e ai piccoli imprenditori locali, ma anche a manager, esperti in pianificazione ambientale e del territorio e ai funzionari delle amministrazioni pubbliche. Si prevede una corsia preferenziale riservata ai residenti nei comuni del Parco della Gola della Rossa e di Frasassi e nel Comune di Amandola. I corsi in questione hanno ottenuto infine il patrocinio dell’Aigae (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursioniste) e la partecipazione garantisce 6 crediti formativi alle guide che aderiscono all’associazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Classifica qualità della vita, Ancona vicino al top: il commento della Mancinelli

  • Cronaca

    Va a cena a casa di amici, quando torna trova l'appartamento svaligiato

  • Incidenti stradali

    Mancata precedenza sulla Flaminia, traffico in affanno deviato nel distributore

  • Cronaca

    Ubriachi, con i coltelli o con la droga in auto: weekend di controlli per i carabinieri

I più letti della settimana

  • Medico e papà di due bambini, la malattia non gli ha lasciato scampo: addio a Tommaso

  • Acido contro una donna, poi la accoltella: è stato l'ex fidanzato

  • Forte scossa di terremoto sulla Riviera

  • Auto contro furgone, schianto lungo la statale: c'è un morto

  • SuperEnalotto, jackpot sfiorato: maxi vincita per un fortunato giocatore

  • Catena di furti, quasi 1 colpo al giorno: ladri insolenti sfidano i residenti esasperati

Torna su
AnconaToday è in caricamento