Cronaca

Alluvione Marche, nel mirino i sistemi di allerta: sindaci sotto torchio

Prese in considerazione tutte le ipotesi ricostruttive. La Procura: «Priorità garantire fonti di prova»

ANCONA - Sta interessando la giornata del 15 settembre scorso, quella specifica dell’alluvione, la documentazione che i carabinieri hanno iniziato ad acquisire ieri mattina nei Comuni interessati dal fiume Misa esondato. I militari hanno iniziato a sentire anche i sindaci, come persone informate dei fatti. Chiedono conto dei sistemi di allerta adottati appena hanno appreso che la portata d’acqua in arrivo era enorme e c’era pericolo per la popolazione. L’Arma vuole conoscere, su delega della Procura di Ancona, anche sui rapporti intercorsi da quel momento tra Comuni e Regione. «Tutte le ipotesi ricostruttive sono prese in considerazione - spiega la procuratrice capo Monica Garulli - la priorità è garantire l’acquisizione di fonti di prova, sia testimoniali che documentali». La procuratrice esprime anche «vicinanza alle famiglie delle vittime e ai soccorritori che stanno facendo un ottimo lavoro».

Intanto gli esiti dei riscontri medico-legali sulle salme delle vittime dell’alluvione parlano di morte per annegamento. Le vie aere erano piene di fango e acqua. L’inchiesta è ancora senza indagati. Intanto anche la Procura di Pesaro ha aperto un fascicolo per inondazione colposa per l'evento che ha riguardato il proprio territorio. Anche questo per ora contro ignoti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione Marche, nel mirino i sistemi di allerta: sindaci sotto torchio
AnconaToday è in caricamento