Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Alluvione, recuperati dal fango i registri matrimoniali: ora una coppia potrà sposarsi

Domani le nozze a Cantiano. La Sovrintendenza archivistica ha avviato il restauro di 400 documenti a partire dall’Unità d’Italia ad oggi

ANCONA - Se fosse un romanzo finirebbe con la frase “questo matrimonio s’ha da fare”. C’è voglia di rialzarsi dopo l’alluvione che ha colpito le Marche il 15 e 16 settembre, appena 22 giorni fa, e la ripartenza la segnerà una coppia di sposi che convolerà a nozze domani, a Cantiano, comune alluvionato nel Pesarese. Se potranno scambiarsi le fedi e promettersi amore eterno è grazie al recupero dei registri di matrimonio finiti sotto fango e acqua dopo l’allagamento subito dall’ufficio anagrafe comunale. A seguito degli eventi calamitosi che hanno duramente colpito il territorio marchigiano del pesarese e dell’anconetano, la Soprintendenza archivistica e bibliografica delle Marche, nell’ambito dell’Unità di Crisi e Coordinamento Regione Marche (UCCR), a seguito di una ricognizione su tutto il patrimonio archivistico e librario dell’area interessata, ha avviato, a soli due giorni dal sopralluogo svolto a Cantiano il recupero conservativo, con relativo intervento di restauro, sulla parte di documentazione dell’archivio comunale di Cantiano più danneggiata. Si tratta, in particolare, di circa 400  registri di Stato civile che, a partire dal 1866 fino ad oggi, raccolgono gli atti di nascita, morte, matrimonio e cittadinanza degli abitanti cantianesi.

L’intervento di restauro consiste nel congelamento a meno 20 gradi dei documenti, nella loro successiva liofilizzazione per ridurre il rischio di deterioramento biologico ed infine nella depolveratura e rimozione dei residui di fango. L’operazione è in dirittura d’arrivo, ma una piacevole sorpresa ha dato alla procedura di consegna del materiale archivistico recuperato una diversa tempistica. È il matrimonio in programma domani per il quale due di questi registri, dove verranno scritti i nomi degli sposi, sono essenziali (pena il valore legale delle stesse nozze). La Soprintendenza Archivistica e bibliografica delle Marche si è immediatamente attivata per dare precedenza al recupero dei registri richiesti dal comune di Cantiano, pianificandone la restituzione prima dell’evento. I registri sono stati consegnati ieri, ad Ancona, a due incaricati del Comune, con una cerimonia avvenuta al Segretariato Regionale del Ministero della cultura per le Marche, in via Birarelli. Viva gli sposi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione, recuperati dal fango i registri matrimoniali: ora una coppia potrà sposarsi
AnconaToday è in caricamento