Follia in campo, allenatore aggredisce l'arbitro donna: partita sospesa

Choc in Senigallia-Virtus Team, gara di calcio a 5 giovanile. Il tecnico ospite afferra per il collo il fischietto "rosa" che poi va all'ospedale: arrivano i carabinieri

Foto d'archivio

L’ha afferrata per il collo perché non aveva fischiato un fallo a favore della sua squadra. Un errore? Comunque nulla che possa giustificare la violenta reazione dell’allenatore che l’ha affrontata a brutto muso e poi le ha messo le mani addosso. Sono dovuti intervenire giocatori e dirigenti in campo per separarli. L’arbitra ha sospeso la partita ed è rientrata negli spogliatoi, dove in seguito l’hanno raggiunta i carabinieri, chiamati dalla società locale, per ricostruire i fatti. 

Choc domenica pomeriggio al campo sportivo di via Cellini, a Senigallia, dove si giocava una partita del campionato Under 17 di calcio a 5 (girone A) tra il Senigallia e la Virtus Team di Fabriano. Mancavano pochi minuti alla fine, i padroni di casa vincevano 12-5, ma all’improvviso da un fallo non fischiato per gli ospiti è scoppiato un furibondo litigio tra l’allenatore fabrianese Emanuele Farneti e la direttrice di gara della sezione di Jesi. «Ha arbitrato a senso unico e non era la prima volta, per questo mi sono avvicinato per protestare e le ho chiesto di non arbitrare più partire della mia squadra - racconta il tecnico del settore giovanile della Virtus Team -. Lei mi ha allontanato dandomi una spinta, io l’ho abbracciata, stringendola con forza. Ho sbagliato, non avrei mai voluto farlo. E’ stato un errore, chiedo scusa a tutti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tecnico, dopo l'ingiustificabile e grave reazione, ha rassegnato le dimissioni, accettate dalla società. «Non possiamo che scusarci con l’arbitro - dice il presidente della Virtus Team, Gaetano Marinelli -. L’allenatore è un bravo ragazzo, ma deve aver perso la testa perché ho assistito all’alterco dalla tribuna e l’ho visto mettere le mani al collo all’arbitro. Sono cose che non dovrebbero mai succedere, specie nei settori giovanili e in particolare contro una donna». Ora si attende la decisione del giudice sportivo: maxi squalifiche in vista per allenatore e società. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

  • Salvini imbarazza Acquaroli e lo brucia sulla giunta delle Marche: Ancona a mani vuote

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento