Insicurezza e troppe spese, centri storici a rischio: «Meno tasse per chi investe»

Confartigianato chiede misure urgenti per contrastare la desertificazione dei centri storici. Le tematiche al centro del comitato territoriale dell'associazione

corso Garibaldi ad Ancona

Misure urgenti per contrastare la desertificazione commerciale dei nostri centri urbani. E’ quanto chiedono gli imprenditori del Comitato territoriale di Confartigianato che si è riunito ad Ancona alla presenza del Segretario Generale Marco Pierpaoli, del presidente e responsabile  territoriale Paolo Longhi e Luca Casagrande. Una problematica che tocca sia Ancona che i comuni del comprensorio, legata ad una crescente percezione di insicurezza, all’ impoverimento del ruolo e del valore sociale dei centri commerciali naturali e più in generale ad un peggioramento della qualità della vita. 
Centri che depauperati delle attività artigiane e  commerciali degradano  in "quartieri ghetto" o in "quartieri dormitorio" lontani dai "salotti buoni", contenitori non solo commerciali ma di cultura, di arte, di enogastronomia, di artigianato e di divertimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli strumenti classici della pianificazione urbanistica adottati finora non bastano, occorre pertanto introdurre  ulteriori misure che coinvolgano tutti, dalle amministrazioni locali, agli imprenditori,  ai commercianti,  gli artigiani, i proprietari di immobili, i residenti. Bene la "cedolare secca" prevista nella legge di bilancio, in favore dei proprietari che affittano locali ad uso commerciale, ma bisogna garantire al contempo la presenza e la varietà di attività di particolare interesse merceologico riconoscendo un regime fiscale di vantaggio temporaneo (imposta sostitutiva in luogo delle imposte sui redditi) per gli imprenditori che intraprendono un'attività commerciale in aree urbane degradate e, in particolar modo, nei centri storici. Le amministrazioni locali potrebbero, inoltre, riconoscere ad entrambi gli "attori in campo" coinvolti nel processo di rivitalizzazione e di riqualificazione dei centri urbani (proprietari di immobili commerciali e imprenditori) agevolazioni sui tributi e sulle tariffe di propria competenza dalla Tari alla Tosap , passando per la tassa sulle insegne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento