Cronaca Agugliano / Via Spontini

Tempesta di grandine, palas e biblioteca inagibili: «Chiederemo lo stato d'emergenza»

Il sindaco Thomas Braconi fa la conta dei danni ad Agugliano, in ginocchio dopo la tromba d'aria: lesionate anche la scuola e la chiesa di Castel d'Emilio

La violentissima grandinata che si è abbattuta su Ancona non ha risparmiato la provincia. Ad Agugliano, in particolare, si fa la conta dei danni. «Stiamo pensando di chiedere lo stato d’emergenza» annuncia il sindaco Thomas Braconi.

In pochi minuti, le devastanti raffiche di vento hanno scoperchiato la tettoia del palazzetto dello sport, attualmente inagibile perché allagato: le lamiere, lunghe diversi metri, sono volate via come fogli di carta e si sono abbattute sulle auto. Per fortuna, non ci sono feriti. Alcuni pannelli di metallo sono finiti sulla vicina scuola elementare, danneggiando l’impianto di riscaldamento: il vento ha fatto il resto, infrangendo diverse finestre.

Anche la biblioteca comunale del paese, in via Nazario Sauro, è inagibile per i vetri in frantumi e gli allagamenti. Danni pure alla chiesa di Castel d’Emilio, dove la grandine di dimensioni spaventose ha distrutto il rosone. Inoltre, sono caduti grossi alberi sulla sede stradale e sono stati distrutti lampioni della pubblica illuminazione. Decine di abitazioni sono state danneggiate dalla furia della grandine e del vento. 

Grandine record, danni e paura nel capoluogo 

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tempesta di grandine, palas e biblioteca inagibili: «Chiederemo lo stato d'emergenza»

AnconaToday è in caricamento