Guerra dei dazi, a rischio anche l’export agroalimentare delle Marche

Sulla base della black list già pubblicata sul registro Federale Usa ad essere maggiormente colpiti potrebbero essere nell’ordine la Francia, l’Italia e la Germania

Donald Trump: credit: ansa

Il braccio di ferro tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti rischia di soffocare le esportazioni agroalimentari marchigiane che, negli ultimi anni, sono cresciute fino a superare i 24 milioni di euro lo scorso anno. Un dato in crescita costante negli ultimi 10 anni (+ 158%) e che rischia di vedersi tarpate le ali da quelle metalliche degli aeroplani. Già perché alla base della ritorsione Usa, con il Registro Federale che ha già abbozzato una black list di prodotti da sottoporre a dazio, c’è proprio la disputa nel settore aeronautico che coinvolge l’americana Boeing e l’europea Airbus. Dopo che il WTO ha informalmente notificato alle parti una bozza di decisione a favore degli States, Trump potrebbe entrare subito in azione. Secondo indiscrezioni, a fronte di una lista USA di prodotti da sottoporre a dazio per un valore totale di 21 miliardi di dollari, la sentenza del WTO potrebbe “autorizzare” dazi per un importo compreso tra 5 e 10 miliardi di dollari nei confronti dei prodotti europei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla base della black list già pubblicata sul registro Federale Usa ad essere maggiormente colpiti potrebbero essere nell’ordine la Francia, l’Italia e la Germania e a pagare il conto più salato per il Belpaese sarebbe il Made in Italy agroalimentare con formaggi, vini, salumi, pasta, olio extravergine di oliva. “Un rischio economico enorme per il settore agroalimentare marchigiano non solo per via del prevedibile calo di esportazione in un Paese storicamente amante del cibo italiano ma anche per il futuro proliferare di falso Made in Italy – avverte Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche - Le industrie di trasformazione statunitensi, complici di questa decisione, godranno dei dazi per imporre i propri prodotti sul mercato a discapito dell'Italia e dei cittadini che non saranno in grado di distinguere la reale provenienza di ciò che andranno ad acquistare”. Proprio il vino rappresenta circa un terzo del valore delle esportazioni marchigiane oltreoceano. Gli ultimi dati vedono l’export agroalimentare Made in Marche superare i 14 milioni di euro a metà 2019, + 26% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Al top, si diceva, il vino (+10%) ma vanno alla grande anche marmellate e creme di ortaggi con quasi 2,5 milioni nel secondo trimestre 2019, valore più che raddoppiato rispetto al 2018.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento