Un'anconetana musa di Van Gogh apre gli incontri al cinema: film e poi si parla di arte

Il Movieland Goldoni lancia la rassegna Orfeo in collaborazione con Antonio Luccarini: 8 incontri con 8 pellicole tra personaggi e storie della città

L'anconetana Agostina Segatori ritratta da Van Gogh

Si chiamava Agostina Segatori, anconetana, bella da far girare la testa ai pittori impressionisti della Parigi di metà '800. Posò per Gérôme, Dantan, Manet e anche per Van Gogh, di cui divenne amante. A lei e all'artista olandese è dedicata la prima serata di Orfeo, la rassegna cinematografica a cura del prof. Antonio Luccarini, organizzata da Saverio Smeriglio nel suo Movieland Goldoni. Si parte mercoledì 24 ottobre con il film Loving Vincent, nomination all'Oscar e al Golden Globe 2018 come miglior film di animazione e premiato agli European Film Awards 2017. Al termine della proiezione Luccarini riporterà alla luce la storia dimenticata della bella anconetana, titolare a Parigi, fino al 1910, del Café du Tamburin, ritrovo di numerosi artisti e scrittori nella vivace capitale francese. «A Parigi – spiega Luccarini – era conosciuta come "l'Italiana" ed è stata una delle prime a intuire Van Gogh, organizzando all'interno del suo Café una delle prime esposizioni dell'artista".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Antonio Luccarini - Saverio Smeriglio-2Gli appuntamenti successivi? In calendario i film La forma dell'acqua (mercoledì 31 ottobre), Maria by Callas (mercoledì 7 novembre), Shining (mercoledì 14 novembre), Michelangelo infinito (martedì 20 novembre), The happy prince (mercoledì  21 novembre), Imagine (mercoledì 28 novembre), Uccelli (mercoledì 5 dicembre). «Viviamo in un'epoca – ha aggiunto Luccarini – in cui l'arte, ma soprattutto, il cinema dimostra la sua fragilità diventando emblema di qualcosa che deve essere salvato. Oggi si fanno tanti film per bambini e le sole serie tv provano a raccontarci qualcosa. Ci piacerebbe coinvolgere le nuove generazioni e presentare il cinema in tutte le sue valenze attraverso anche storie della città, personaggi e mestieri che sono dietro la macchina da presa». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento