Manca il personale, niente ferie: lavoratori in stato di agitazione alla casa di cura

I sindacati aprono al vertenza contro la proprietà: alla base una situazione che va avanti da mesi ma che finora non è stata risolta nonostante le richieste di incontro

Foto di repertorio

Le  Organizzazioni Sindacali  Territoriali della  Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl della Casa di Cura Villa Jolanda di Maiolati Spontini, unitamente alle Rsa ed ai lavoratori hanno proclamato lo stato di agitazione del personale dipendente della struttura a causa della gravissima e non più sostenibile situazione che si registra ormai da mesi nella struttura situata al confine tra i comuni di Cupramontana e Maiolati Spontini. Lo stato di agitazione verte principalmente sugli criticità emerse nelle assemblee che le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil hanno svolto con i lavoratori con particolare riferimento al perdurare di estenuanti, sistematiche e spesso estemporanee modifiche ai turni mensili programmati ed in conseguenza della mancata fruizione delle ferie “vecchie” a credito dei lavoratori medesimi. Ciò che è urgente per i lavoratori e quindi per le organizzazioni sindacali è avere un confronto agile con l’Azienda Koscare Neomesia Santo Stefano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confronto richiesto e più volte sollecitato anche dalle rappresentanze interne, capace di affrontare e risolvere le criticità evidenziate e di rendere affidabili e certi i turni mensilmente assegnati dall'azienda ai lavoratori, evitando ulteriori e continue modifiche. Risultato questo che non appare perseguibile senza un serrato confronto con le parti sindacali, un adeguato ripristino degli organici necessari alla copertura del fabbisogno di personale dedicato all’assistenza, di una diversa organizzazione interna del lavoro e di un corretto ripristino e svolgimento delle relazioni sindacali. Visti gli innumerevoli tentativi che le rappresentanze interne e le organizzazioni sindacali hanno effettuato e la mancanza di riscontri positivi, considerato  altresì che lo stato d’animo del personale della struttura Villa Jolanda di Sisciano di Maiolati Spontini, l’aspetto motivazionale, le aspettative e le perdite economiche stipendiali, imposte agli stessi,  determinano di fatto uno scontro i cui livelli risultano essere sempre più preoccupanti, in relazione anche alle imprescindibili e delicate funzioni che essi sono tenuti a svolgere quotidianamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento