Un Tetto per Tutti, il Comune risponde: “Struttura a norma”

Palazzo del Popolo: "E' stata assicurata una adeguata accoglienza a tutti coloro che in modo condiviso hanno aderito alle proposte rivolte dall'istituzione pubblica così come garantito fin dall'inizio"

Lo striscione che campeggiava davanti a "Casa de nialtri" prima dello sgombero

Dopo l’assemblea tenutasi davanti all’ex scuola Regina Margherita e alla vigilia della manifestazione per il diritto all’abitazione che si terrà domani, entrambe iniziative organizzate dalle associazioni che compongono la galassia di Casa de Nialtri, il Comune risponde con una nota ai dubbi avanzati sull’agibilità di Un Tetto per Tutti:

“Rispetto alle dichiarazioni apparse sulla stampa circa la presunta inagibilità di “Un tetto per tutti”, l'Amministrazione comunale precisa che la struttura è a norma e l'accoglienza degli ospiti è gestita su un unico piano in quanto tale spazio è sufficientemente dimensionato per alloggiare chi ne fa richiesta,  nel numero previsto.  
Riguardo alla sistemazione delle persone che avevano occupato l'ex asilo nido di via Ragusa l'Amministrazione precisa inoltre che è stata assicurata una adeguata accoglienza a tutti coloro che in modo condiviso hanno aderito alle proposte rivolte dall'istituzione pubblica così come garantito fin dall'inizio.  Nessuna tra le persone che hanno accettato concordemente le soluzioni offerte è “in mezzo alla strada”: a ciascuno sono state prospettate soluzioni configurate su misura, in funzione delle personali esigenze e delle disponibilità di accoglienza attualmente possibili.  Alcune situazioni sono già definite, altre sono in corso di aggiustamento sulla base delle necessità che si stanno delineando nel proseguo dei colloqui.   

In collaborazione con le associazioni che operano con l'Amministrazione comunale  sono già stati aperti laboratori per attivare ulteriori progetti  con l'obiettivo  di favorire anche il reinserimento sociale delle persone, oltre la mera accoglienza già assicurata.  Il  Comune continua quindi a mettere in atto le azioni che fin dall'inizio dell'occupazione aveva assicurato e che non si sono mai interrotte neanche dopo la chiusura dell'ex asilo di via Ragusa,  peraltro liberato con un intervento assolutamente pacifico e senza incidenti.  Come è noto questa azione  ha avuto come esito immediato  l'ospitalità provvisoria degli occupanti in un agriturismo, da quanti lo hanno volontariamente accettata.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento