Molestie e pestaggi fuori della discoteca, tutto sotto gli occhi della sicurezza: al setaccio le spycam

«Che bel culetto che hanno le tue amiche, ce lo fai vedere?». Questa la frase con cui il branco si è avvicinato ai giovanissimi che sabato sera sono stati aggrediti subito fuori all’uscita della discoteca

Foto di repertorio

«Che bel culetto che hanno le tue amiche, ce lo fai vedere?». Questa la frase con cui il branco si è avvicinato ai giovanissimi che sabato sera sono stati aggrediti subito fuori all’uscita della discoteca Mia Clubbing di Porto Recanati. Prima hanno molestano le 2 ragazze di 15 anni e poi hanno picchiato il giovane in mezzo, un 15enne di Ancona. Un pugno dritto sul naso e poi i calci mentre era a terra per una prognosi superiore a 30 giorni. Tutto sotto gli occhi degli uomini della sicurezza del locale che, in passato, aveva già avuto dei problemi con quella baby gang composta da tunisini, tanto da imporre loro il divieto di mettere piede in discoteca.

Ora indagano i carabinieri di Civitanova Marche che, guidati dal comandante Enzo Marinelli, hanno  cominciato ad ascoltare proprio gli uomini della sicurezza che, quella sera, hanno assistito all’aggressione avvenuta nel parcheggio del locale, a pochi metri dell’ingresso. Non solo perché il Mia ha delle telecamere sulla parte anteriore della struttura. Al setaccio dunque anche le spycam che, unite alle testimonianze, potrebbero aver ripreso l’aggressione e dunque essere determinanti per individuare i responsabili della violenza avvenuta all’incirca alle 3 del mattino. Ci sarà poi anche da capire se sia stato sempre lo stesso gruppo ad aggredire, non lontano dallo stesso punto, un altro ragazzo di Castelfidardo, anche lui finito al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Torrette con una prognosi più lieve.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento