Agguato sotto casa, accerchiato e aggredito da due uomini: uno era incappucciato

Il ragazzo di 22 anni è finito all'ospedale, indaga la polizia

foto d'archivio

E’ stato raggiunto sotto casa, accerchiato e preso a pugni. Poi gli aggressori sono scappati. Sembrerebbe un agguato in piena regola quello teso a un ragazzo osimano di 22 anni, finito all’ospedale con alcune contusioni al volto.

Indagano i poliziotti del Commissariato di Osimo sull’episodio dai contorni ancora sfocati accaduto ieri pomeriggio attorno alle 18 a Campocavallo. Il giovane aveva appena parcheggiato l’auto davanti al suo garage. Non appena è sceso, è stato circondato e aggredito da due uomini, uno dei quali aveva un cappuccio in testa. Tramortito dai pugni ricevuti in faccia, il 22enne è crollato a terra. La madre, sentendolo urlare, è scesa per soccorrerlo e ha lanciato subito l’allarme. Sul posto è intervenuta una pattuglia della polizia, che poi ha contattato il 118 per far arrivare un’ambulanza. All’intera scena avrebbe assistito una testimone che è stata ascoltata dagli investigatori. Il giovane sostiene di non conoscere i due autori del pestaggio e non si sarebbe trattato di una rapina, dal momento che non gli è stato rubato nulla.  Le cause, per la polizia, sarebbero futili motivi, ma non si esclude che sia stato un regolamento di conti. Le indagini sono in corso. Il 22enne è stato portato all’ospedale per guarire le ferite, fortunatamente non gravi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il lungomare sommerso da acqua e detriti, danni ingenti a ristoranti e stabilimenti

  • Scoppia una cisterna, uomo travolto dall'esplosione: tragedia sfiorata in azienda

  • Insetti, avanzi di cibo e dipendenti in nero, arrivano i carabinieri: il ristorante chiude

  • Dramma al Salesi, muore il feto ma i medici salvano la vita della madre

  • Caos in tabaccheria per un Gratta e Vinci, scoppia una lite: arrivano i carabinieri

  • Segano le sbarre di una finestra, ladri in pasticceria: «Siamo blindati ma non basta»

Torna su
AnconaToday è in caricamento