Ages 2.0: formazione ad anziani per farli interagire coi social media

L'idea centrale del progetto è dare ad anziani vulnerabili la possibilità di utilizzare un programma informatico sviluppato appositamente e dare loro la necessaria formazione e sostegno per interagire socialmente via Internet

Presso il Palazzo Li Madou della Regione Marche, si è tenuta la Conferenza finale internazionale del progetto europeo “Activating and Guiding the Engagement of Seniors through social media” acronimo AGES 2.0 dal titolo: “Elderly and "Social Media" innovative communication systems for care: AGES 2.0”, in cui sono stati presentati i risultati della sperimentazione.

L'evento internazionale si è svolto in lingua inglese e italiana. L’ARS (Agenzia regionale sanitaria) svolge formalmente, a livello europeo, il ruolo di partner coordinatore del progetto; gli altri partner sono: Fondazione Giacomo Brodolini (Italia), Cooperativa Labirinto (Italia), University of Exeter (Regno Unito) – Somerset Care Group (Regno Unito) – Torbay and Souther Devon Health and Care NHS Trust (Regno Unito). Il progetto nasce dalla considerazione che le persone con più legami sociali presentano ridotti tassi di mortalità e morbilità e che le persone che interagiscono, in maniera significativa, a livello sociale, sono più sane, più felici e vivono più a lungo. Sperimenta l’utilizzo dei social media per valutare la possibilità di migliorare il benessere psico-fisico degli anziani, pertanto risulta essere coerente con le politiche regionali di settore.  AGES 2.0 mira a sviluppare e testare approcci innovativi per promuovere una migliore qualità della vita e migliorare le interazioni sociali per la popolazione anziana in due Paesi: l’Italia e il Regno Unito (UK).

L'idea centrale del progetto è che dare ad anziani vulnerabili la possibilità di utilizzare un programma informatico modificato e sviluppato appositamente per loro - PC Facile - e dare loro la necessaria formazione e sostegno per utilizzare questo programma, in modo da consentire di interagire socialmente via Internet, potrebbe avere benefici significativi sulle loro capacità cognitive e mentali e accrescere il loro benessere psico-fisico. Il progetto sperimentale è finanziato dalla Commissione Europea DG Occupazione, Affari Sociali e Inclusione Sociale e fa parte del programma specifico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

  • Lite per una birra, botte da orbi al mini market

Torna su
AnconaToday è in caricamento