menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aerdorica, la Procura chiede nomina ispettore per le verifiche

La Procura chiede che venga nominato un ispettore da affiancare all'attuale gestione aziendale per portare avanti controlli e verifiche

La Procura chiede che venga nominato un ispettore da affiancare all'attuale gestione aziendale per portare avanti controlli e verifiche sulla questione Aerdorica antecedente alla gestione dell'amministratore Federica Massei. A dare la notizia l'Agenzia Dire.

«Tutti i protagonisti della vicenda hanno sottolineato l'importanza strategica dell'aeroporto di Falconara e concordato, al contempo, sulle gravi difficolta' in cui versa Aerdorica. Ma tutti si augurano che queste difficolta' possano essere superate nel rispetto della legalità». Lo ha detto alla Dire l'avvocato del collegio sindacale di Aerdorica, Francesco Tardella, al termine dell'udienza che si e' tenuta oggi al Tribunale di Ancona dinanzi al giudice Francesca Miconi. Il procedimento odierno e' stato aperto, ad una settimana dalla discussione sull'istanza di fallimento della societa' di gestione dell'aeroporto delle Marche, su richiesta del pm Paolo Gubinelli in base all'articolo 2409 del Codice Civile che prevede la possibilita' di disporre un'ispezione dell'amministrazione della societa' se vi e' il fondato sospetto di gravi irregolarita' da parte di amministratori e organi di controllo.

«Insieme al legale dell'amministratore Massei, l'avvocato Luca Lucenti, abbiamo fatto rilevare come le gravi irregolarita', per cui la Procura chiede la nomina di un ispettore, siano riferibili ai precedenti organismi di controllo e amministrativi - continua Tardella - Gli amministratori attuali con la vigilanza dell'organo di controllo, nominato nel 2015, hanno fatto emergere irregolarita' contabili precedenti e questo ha portato alla luce una perdita di esercizio che ha costretto la societa' alla ricapitalizzazione». In sostanza in questo procedimento parallelo all'istanza di fallimento il pm ha richiesto la nomina di un ispettore per valutare se ci sono state irregolarita' gestionali e contabili nell'amministrazione dell'aeroporto fino all'arrivo dell'attuale compagine societaria datata novembre 2015. «Le irregolarita' su cui la Procura chiede un'ispezione- spiega alla Dire l'avvocato Lucenti- risalgono a prima dell'arrivo dell'amministratore Massei ossia fino a novembre 2015. Non riguardano l'attuale gestione». La Procura chiede dunque la nomina di un ispettore da affiancare all'attuale gestione aziendale per portare avanti controlli e verifiche. Il procedimento e' autonomo rispetto all'istanza di fallimento ma, secondo i legali di Aerdorica, e' molto probabile che una procedura escluda l'altra e dunque che la nomina di un ispettore significherebbe il rigetto dell'istanza di fallimento della societa'.

«Non c'e' un soggetto che rema contro Aerdorica ma ovviamente deve essere rispettata la normativa di riferimento: civilistica, fallimentare e quella che disciplina l'intervento di risorse pubbliche nell'ambito di societa' partecipate - conclude l'avvocato Tardella -. Il giudice potrebbe anche non ravvisare la necessita' di un'ispezione qualora ritenesse sufficienti gli accertamenti fatti nell'ambito dell'istruttoria pre fallimentare. Quello e' il procedimento guida: quello previsto dall'articolo 2409 potrebbe essere adottato nel caso in cui non venisse dichiarato il fallimento».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento