menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Adescavano col sesso: poi drogavano e rapinavano le vittime

In manette una coppia che adescava la vittime su internet promettendo sviluppi sessuali, per poi drogare il malcapitato con un pesante sonnifero e rubargli tutto

Italiano lui, G. P., 35enne di Civitanova Marche, provincia di Macerata; moldava lei, E. B., di appena 21 anni. Arrestati entrambi dalla squadra mobile di Ancona per “rapina impropria in concorso” commessa ai danni di un uomo.
Con annunci a luci rosse su internet, prospettavano l'occasione di un rapporto sessuale a tre e quando l'appuntamento tra la vittima e la finta coppia avveniva, ecco che con un potente sonnifero a base di triazolam, l'adescato veniva addormentato e derubato di tutto.
Ieri sera però nella trappola, organizzata questa volta dagli agenti della squadra mobile dorica, diretta dal comandante Giorgio Di Munno, è finita la finta coppia di amanti criminali, che si sono trovati all'appuntamento un poliziotto in borghese.
Le indagini da parte della Mobile di Ancona sono iniziate lo scorso 29 novembre quando, in un locale di piazza Rosselli ad Ancona, un commerciante di una cinquantina d'anni era stato visto entrare insieme ai due che poi erano usciti, lasciando l'uomo privo di sensi al tavolino.

Portato in ospedale, una volta risvegliatosi al mattino dopo, l'uomo si era accorto di essere stato derubato di circa 3.000 euro in contanti, delle chiavi dell'auto e del telefono cellulare.
Il narcotico era stato somministrato con la solita scusa, quella di festeggiare il “compleanno” dell’uomo.
Nel frattempo la polizia ha iniziato le indagini partendo proprio dal sito di incontri che la vittima aveva usato, riuscendo poi a rintracciare quella che si pensava potesse essere la coppia in questione.

Nel frattempo i due, che si spostavano per l'Italia ed avevano una sorte di base d'appoggio in Svizzera sulla quale la polizia sta facendo accertamenti, il 2 dicembre scorso erano riusciti a fare lo stesso gioco ad un signore di Alessandria.
In quel caso, l'uomo aveva anche preparato una cenetta che i due hanno consumato mentre la vittima era priva di sensi.
Adesso i due si trovano nel carcere di Montacuto di Ancona, ed in quello femminile di Pesaro. Le indagini nel frattempo proseguono: la polizia è convinta che siano molteplici le rapine messe a segno in tutta Italia.
 

Fonte: AGI

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento