menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Investirono carabiniere, rischiano accusa di tentato omicidio

Potrebbero essere accusati di tentato omicidio in concorso i tre uomini arrestati a Civitanova che, nel tentativo di fuggire ai militari hanno investito un Maresciallo dei Carabinieri della Compagnia di Osimo

Potrebbero rischiare l’accusa di tentato omicidio in concorso i tre uomini arrestati nel corso dell’operazione “Gattabuia” che, a Civitanova, nel tentativo di fuggire ai militari hanno investito un Maresciallo dei Carabinieri della Compagnia di Osimo che stava intimando loro l’alt. I tre – M.A.E., tunisino, classe 1989, difeso dall’avvocato Domenico Biasco; e C.A., maceratese, classe 1989, e C.A., tunisino, classe 1989, difesi entrambi dal legale d’ufficio Lucia Testarmata – rimangono attualmente in carcere nella casa circondariale di Ancona-Montacuto, a disposizione della Procura di Macerata.

Questa mattina, invece, si è tenuta l’udienza di convalida presso il Tribunale di Ancona dal Dott. Alberto Pallucchini, a seguito dell’arresto per: “Detenzione illegale di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio in concorso” dei coniugi B.A.M, tunisino, Classe 1980, e M. V., senigalliese, entrambi difesi dall’Avv. Consuelo Feroci. Il marito è stata applicata la misura degli arresti domiciliari, mentre la donna è stata liberata se non detenuta per altra causa, essendo stato riconosciuto il ruolo marginale in qualità di consorte, avendo solo accompagnato il coniuge, seppur consapevole delle condotte del marito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento