Accoltellato in centro, regolamento di conti per la piazza dello spaccio: un fermato

Stando ad una prima ricostruzione degli inquirenti su un fatto di sangue, i due si conoscono e si sono incontrati per chiarire questioni di spaccio

Foto di repertorio

Si tratterebbe di un regolamento di conti per la spartizione della piazza dello spaccio di droga l’aggressione avvenuta ieri sera intorno alle 18 in pieno centro a Jesi. Ne sono convinti gli agenti di polizia di Squadra Mobile di Ancona e commissariato di Jesi i quali ieri sera, dopo un paio d’ore, sono arrivati a casa del presunto aggressore per fermarlo. Si tratta di un brasiliano di 19 anni. Secondo la polizia dunque è stato lui, un paio d’ore prima, a sferrare diverse coltellate in diverse zone del corpo alla sua vittima: un nigeriano di 20 anni. Quest’ultimo ora si trova in ospedale in gravi condizioni, anche perché uno dei fendenti gli avrebbe procurato uno pneumotorace, ma per fortuna è stabile e non è in pericolo di vita. 

Stando ad una prima ricostruzione degli inquirenti su un fatto di sangue, i due si conoscono e si sono incontrati per chiarire questioni relative allo spaccio di sostanze. Quello che però sarebbe dovuto essere un confronto, alla fine si è presto tramutato in uno scontro poi sfociato nel sangue che ha choccato gli jesini di passaggio alla fermata dell'autobus di viale Cavallotti, a pochi metri dall'incrocio con via Roma e l'arco Clementino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Coronavirus, screening di massa con tampone antigenico rapido nelle Marche

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

Torna su
AnconaToday è in caricamento