Nuova maxi retata sul lungomare, 30mila euro di multe a 6 venditori abusivi

I carabinieri, appostati tra i bagnanti, hanno controllato la “spiaggia di velluto”. 6 venditori ambulanti, tutti stranieri, sono stati sorpresi a vendere merce senza essere in possesso della prescritta autorizzazione amministrativa

I carabinieri durante il sequestro

Scatta il piano speciale dei controlli di “Ferragosto”. Osservato speciale il tratto di lungomare compreso tra Cesano e Marzocca anche per la prevenzione ed il contrasto alla contraffazione e all'abusivismo commerciale su area pubblica. I carabinieri di Senigallia sono tornati sull’arenile con 4 pattuglie e l’impiego di militari in abiti civili.

I Carabinieri, appostati tra i bagnanti, hanno controllato la “spiaggia di velluto”. 6 venditori ambulanti, tutti stranieri, sono stati sorpresi a vendere merce senza essere in possesso della prescritta autorizzazione amministrativa e senza il nulla-osta del Comune di Senigallia. Si tratta di 2 cittadini originari del Pakistan, 1 del Bangladesh, 1 del Senegal, 1 del Marocco, di età compresa tra i 20 e i 57 anni, residenti a Milano ed Ancona, tutti in regola con il permesso di soggiorno. Pizzicata ancora una volta la 36enne rumena che si muove con il camper.

Nel corso del servizio, nei confronti dei predetti venditori abusivi sono state contestate sanzioni amministrative per 30mila euro. Nel corso del servizio inoltre sono stati sottoposti a sequestro amministrativo: 15 portafogli, 8 borse, 17 anelli, 13 collanine e 89 braccialetti, 3 paia di orecchini, 52 paia di occhiali da sole, 126 articoli ferma capelli, 27 vestiti da donna, 4 accessori per cellulari, 3 gonfiabili, 9 articoli elettronici. Nel corso del servizio, un abusivo, accortosi per tempo dei controlli in atto, è fuggito abbandonando sull’arenile di Lungomare Italia un borsone. I militari lo hanno recuperato rinvenendo all’interno 6 paia di scarpe contraffatte con marchi “Nike” e “Saucony”. Tutta la mercanzia, sulla base dei prezzi praticati sulla spiaggia, avrebbe consentito di realizzare un profitto complessivo calcolato intorno ai 2.500 euro. La merce sequestrata è stata consegnata alla depositeria comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento