Montacuto, si vedono solo 3 canali in tv: scatta la protesta dei detenuti

Una protesta che vede impegnati anche gli agenti di Polizia Penitenziaria, che già operano in forte carenza e che ora si ritrovano un carcere in stato di allarme per assicurare la piena sicurezza nel Penitenziario

Il carcere di Montacuto

La tv del carcere trasmette solo i canali Rai ed è protesta della popolazione penitenziaria. Da ieri, per ben tre volte al giorno, i 140 detenuti creano fracasso battendo violentemente le cancellate del carcere di Montacuto a causa di una recente modifica dell’antenna televisiva centrale che permetterebbe solo la visione dei canali 1, 2 e 3, rispetto a prima quando se ne potevano vedere fino a 10, tra cui le emittenti locali e regionali delle Marche oggi inibite dal sistema.

Una protesta che vede impegnati anche gli agenti di Polizia Penitenziaria, che già operano in forte carenza e che ora si ritrovano un carcere in stato di allarme per assicurare la piena sicurezza nel Penitenziario. Secondo il Co.S.P (Coordinamento sindacale Penitenziario) “il guasto potrebbe costare dai tre ai quattro mila euro per rimettere a posto l’impianto TV. Una spesa che la direzione e la contabilità sembrano non aver ancora programmato o sollecitato gli organi sovraordinati allo stanziamento. Come a dire una sicurezza ostaggio di poche migliaia di euro”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre (Natale) e Dl spostamenti, cosa cambia nelle Marche: le modifiche

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Marche zona gialla o zona arancione? Acquaroli fa chiarezza

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • LE MARCHE TORNANO ZONA GIALLA

  • Ora è ufficiale, le Marche di nuovo in zona gialla: ma cosa cambia da domenica?

Torna su
AnconaToday è in caricamento